Briatico, la Madonna a mare sulla motovedetta della Guardia costiera

In occasione della tradizionale e suggestiva processione in programma domani, 15 luglio, la sacra effigie di Maria SS del Carmelo verrà trasportata sul mezzo militare

In occasione della tradizionale e suggestiva processione in programma domani, 15 luglio, la sacra effigie di Maria SS del Carmelo verrà trasportata sul mezzo militare

Informazione pubblicitaria
La motovedetta Cp 265

La suggestiva processione a mare in onore della Madonna del Carmelo, organizzata dalla parrocchia di Briatico retta da don Mino de Pascalis, in programma per domani, venerdì 15 luglio, quest’anno vivrà una particolare variazione rispetto al suo svolgimento tradizionale.

La sacra effige di Maria SS del Carmelo verrà infatti imbarcata su una motovedetta della Guardia costiera di Vibo Valentia (la Cp 265 al comando di Paolo Fedele) che la condurrà, come da usanza, lungo tutto il litorale del centro costiero. Alla processione prenderanno parte anche le motovedette della Guardia di Finanza e dei Carabinieri di Vibo Valentia.

Un gesto dalla forte valenza simbolica che vuole rimarcare la presenza dello Stato contro le interferenze dei clan nei riti religiosi. A Briatico, in particolare, come emerso dalle carte dell’inchiesta “Costa pulita”, la Madonna del Carmine, almeno in un’occasione, venne trasportata a mare sulla barca di proprietà del boss Nino Accorinti.

C’è però da rilevare che, tradizionalmente, il “privilegio” è sempre stato riservato ai devoti pescatori locali che, a turno, hanno ospitato la statua sulle loro barche. Gli stessi hanno però accolto senza remore la decisione, facendo sapere che prenderanno comunque parte alla processione con la consueta devozione.

L’imbarco sul mezzo navale della Guardia costiera è stato fortemente voluto dal parroco di Briatico e dal vescovo monsignor Luigi Renzo. Sulla stessa motovedetta, peraltro, nei giorni scorsi si era recato in visita l’Ordinario militare per l’Italia, monsignor Santo Marcianò.

LEGGI LA NOTIZIA Monsignor Marcianò bacia la motovedetta: «Con questa voi salvate vite umane»