Pascolo abusivo nei terreni della cooperativa “Briatico Welfare”, la condanna di Goel – Video

A praticarlo sarebbe un pastore già noto alle forze dell’ordine. L’azienda agricola già oggetto di numerosi danneggiamenti e furti di varia entità  

A praticarlo sarebbe un pastore già noto alle forze dell’ordine. L’azienda agricola già oggetto di numerosi danneggiamenti e furti di varia entità  

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Pascolo abusivo in un terreno della cooperativa “Briatico Welfare”, socia di Goel Bio, il marchio degli agricoltori biologici calabresi che si oppongono alla ‘ndrangheta. Non è il primo episodio spiacevole per la cooperativa briaticese che negli ultimi tre anni, con cadenza quasi semestrale, ha subito danneggiamenti e furti di varia entità, tutti regolarmente denunciati. Tra i più gravi: l’estirpazione, nel giugno 2016, di oltre 50 quintali di cipolla rossa di Tropea biologica e il furto, quasi un mese fa, di una parte del raccolto. Stavolta il fondatore di “Briatico Welfare” riferisce di circa 200 ovini, tra pecore e capre, che hanno invaso i campi della cooperativa. A San Costantino di Briatico succede spesso: c’è un gregge che vaga indisturbato nella zona. Ma domenica 25 agosto, intorno a mezzogiorno, il fondatore della cooperativa, allertato, è riuscito ad accorgersene e a fotografarlo e filmarlo per documentare l’accaduto. Senza alcun timore ha anche chiamato le forze dell’ordine, denunciato l’episodio e fatto identificare il pastore. Pastore che sarebbe già noto alle forze dell’ordine per vicende riguardanti i reati di violenza a pubblico ufficiale, tentata estorsione e lesioni personali, tentato omicidio e possesso illegale di arma comune da sparo. «Siamo fieri del coraggio dimostrato dalla nostra cooperativa – riferisce Vincenzo Linarello, presidente di Goel gruppo cooperativo -. Tutta la comunità di Goel è schierata con Gregorio Mantegna e siamo pronti a mobilitarci al suo fianco e offriremo il supporto dell’ufficio legale del gruppo. Esprimiamo piena fiducia nelle forze dell’ordine e nella magistratura che sappiamo essere seriamente impegnate nel contrasto di abusi e di altre forme di intimidazione e assoggettamento di tipo mafioso» sottolinea Linarello. «La ‘ndrangheta nel territorio usa il pascolo abusivo nei campi coltivati, gli incendi, i furti, i danneggiamenti, per mettere in ginocchio gli agricoltori e portarli ad assoggettarsi ai “capo-bastoni” locali. Goel Bio non si piega e non si piegherà mai di fronte a nessuno, collabora e collaborerà con forze dell’ordine e magistratura, mobiliterà l’opinione pubblica locale e nazionale a difesa dei propri soci».

Informazione pubblicitaria