lunedì,Aprile 19 2021

Cavallaro: «Inadeguato il sistema di Protezione civile a Vibo, la politica si svegli»

Il leader della Cisal propone un Consiglio comunale aperto per discutere sul «non rispondente stato dei servizi di prevenzione in un territorio ad alto rischio terremoto e idrogeologico»

Cavallaro: «Inadeguato il sistema di Protezione civile a Vibo, la politica si svegli»

«I tragici eventi di questi giorni che hanno colpito le popolazioni del Centro Italia richiamano ancora una volta all’attenzione massima ed al più alto senso della responsabilità e del dovere la politica, le istituzioni, le forze emergenti di Vibo Valentia in tutte le sue più variegate articolazioni». È quanto affermato in una nota dal segretario generale della Cisal, Francesco Cavallaro.

«Riteniamo, interpretando il pensiero della popolazione, che sulla scorta di quanto accaduto e va accadendo, non solo nel centro della penisola ma anche in Calabria e nel Vibonese urge intervenire per un inderogabile momento di forte e accurata riflessione per meglio approfondire gli scenari che ci presentano i sempre più devastanti effetti delle calamità naturali ed individuare le più immediate iniziative atte a promuovere una concreta azione per tentare di meglio garantire la sicurezza pubblica in tutti i suoi prioritari aspetti».

Per Cavallaro è «soprattutto la politica che a Vibo Valentia deve darsi la sveglia su questi sempre scottanti e angosciosi problemi. La popolazione è seriamente preoccupata per questa assenza di un adeguato sistema di Protezione civile. Crediamo che i cittadini abbiano tutte le ragione di questo mondo quando avvertono che nessuno deve scappare di fronte ad ogni tipo di responsabilità».

Il segretario generale della Cisal auspica un Consiglio Comunale ad hoc «per discutere sul non rispondente stato dei servizi di prevenzione in un territorio ad alto rischio terremoto e idrogeologico. Il sindaco Elio Costa ed il presidente del consiglio comunale Stefano Luciano – continua – si rendano promotori, prima che sia troppo tardi, di indire un libero ed aperto consiglio comunale, aperto al contributo di ogni cittadino, per cercare di mettere in piedi un progetto che metta al sicuro un sistema di prevenzione capace di ridurre le preoccupazioni di una popolazione sempre più insicura di fronte all’imperversare delle calamità naturali.

Il Comune, alla luce di quanto si sta verificando su più fronti del nostro Paese, deve dotarsi di un esclusivo Assessorato alla Protezione civile che diventi il numero uno delle attenzioni dell’attività amministrativa. Un Assessorato di serie A impostato su un sistema di adeguata capacità nei suoi compiti più emergenti, diventando quotidiano momento di attenzione per ogni amministratore, chiamato ad essere vigile e determinato nello studio di un migliore servizio di protezione civile.

In questa direzione – prosegue Cavallaro – il bilancio comunale dovrà riservare la più adeguata spesa al delicato settore, chiamando alla guida un tecnico di collaudata esperienza con funzioni di coordinatore di una struttura operativa professionalmente formata e pronta ad intervenire con estrema competenza sia in fase di prevenzione che di emergenza.

Quello di Vibo Valentia, e forse non c’è bisogno di stare qui a ripeterlo, è un territorio ad alto rischio sismico. Una buona Protezione civile significa affrontare le eventuali emergenze con più speranza di ridurre i danni.

Non bastano i disagi e le difficoltà che abbiamo già vissuto ogni qualvolta ci siamo trovati a fronteggiare una emergenza provocata da scosse di terremoto o alluvioni? La chiamata alle responsabilità e alla attivazione di un moderno e rispondente sistema di protezione civile impone l’impegno di tutti. Non può esserci nessuno tipo di inerzia o indifferenza su quanto accaduto in questi giorni. Il ripristino delle migliori condizioni atmosferiche – conclude – non può far cadere ancora una volta nel dimenticatoio le avversità che potrebbero nascondersi, per come accaduto in passato, dietro l’angolo».

top