Viabilità da incubo nel Vibonese, ancora una denuncia di un automobilista (VIDEO)

In un video un nostro lettore documenta le “disastrose condizioni” delle strade nei dintorni dei centri a maggior attrattiva turistica della provincia: Tropea, Nicotera e Pizzo. La speranza è che “le istituzioni si sensibilizzino”

In un video un nostro lettore documenta le “disastrose condizioni” delle strade nei dintorni dei centri a maggior attrattiva turistica della provincia: Tropea, Nicotera e Pizzo. La speranza è che “le istituzioni si sensibilizzino”

Informazione pubblicitaria
Un frame del video inviatoci da un lettore

Monta sempre di più lo sdegno e la protesta per le condizioni in cui versano le strade provinciali del Vibonese. Automobilisti e motociclisti sono sempre più indignati di fronte allo spettacolo indecoroso offerto dalla viabilità nostrana, specie in previsione della stagione estiva, quando il territorio si presenterà con un mortificante biglietto da visita ai tanti turisti che, si spera, sceglieranno le nostre coste per le vacanze. 

Dopo la segnalazione pervenuta al vibonese.it della situazione della Sp 17 che collega il capoluogo a Tropea attraversando l’altopiano del Poro, è un altro lettore a concentrarsi sulla viabilità nelle zone turisticamente più “gettonate” del territorio, vale a dire quelle limitrofe ai centri della stessa Tropea, di Pizzo e di Nicotera.

Non solo manto stradale dissestato, buche che somigliano più a crateri ed erba alta ai lati della carreggiata, ma anche una segnaletica verticale che sembra reduce da un cataclisma e condizioni infrastrutturali a dir poco fatiscenti. Tutto documentato in un breve video:

L’intento della segnalazione è quello, ancora una volta, di scuotere attraverso la nostra testata gli organi preposti e far sì che si prenda piena coscienza di un problema sempre più sentito, e che si va aggravando sempre più, nella speranza che s’intervenga in maniera più decisa. “Sono stato a Tropea per Pasquetta – il messaggio del lettore a corredo del video -, le condizioni delle strade sono spaventose e ho realizzato un video che spero possiate utilizzare… magari le istituzioni si sensibilizzano”.