Coronavirus: la donna positiva a Serra e il focolaio di Chiaravalle, tre nuovi casi a Fabrizia

Forze dell’ordine e sanitari impegnati a capire i possibili collegamenti. Positivo l'esito di altri tamponi
Forze dell’ordine e sanitari impegnati a capire i possibili collegamenti. Positivo l'esito di altri tamponi
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

E’ una donna di Serra San Bruno il nuovo caso di positività al coronavirus riscontrato ieri all’esito del tampone e che sta impegnando tuttora anche le forze dell’ordine. Si cerca infatti di capire e ricostruire tutti i contatti avuti dalla donna per chiarire diversi aspetti di estrema importanza onde individuare altri possibili contagiati. Già da oggi si procederà con i tamponi nei confronti dei familiari della giovane che attualmente si trova in quarantena nel proprio domicilio in discrete condizioni di salute. Due le cose che appaiono al momento certe: la donna i primi del mese ha partecipato ad un ricevimento dove era presente anche la prima persona di Serra San Bruno risultata positiva al coronavirus, ovvero il soggetto che martedì 17 marzo si è recato all’ospedale di Serra e, dopo essere stato tenuto per tre giorni in una stanza del Pronto soccorso, venerdì sera (20 marzo) con il secondo tampone è risultato positivo al coronavirus. Tale paziente si trova ora ricoverato nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale di Vibo Valentia.  [Continua dopo la pubblicità]

Informazione pubblicitaria
La casa per anziani di Chiaravalle

La seconda cosa certa è che la donna di Serra, risultata ieri positiva al coronavirus, ha avuto contatti anche con la casa di riposo per anziani “Domus Aurea” di Chiaravalle Centrale dove ben 116 persone sono state sottoposte al tampone e dove 52 persone nella giornata di ieri (40 anziani e 12 dipendenti) sono risultate positive al coronavirus dopo un primo caso che interessava una paziente di 91 anni. Si cerca quindi ora di capire se la giovane donna di Serra risultata positiva al coronavirus sia stata contagiata venendo a contatto con anziani e personale della casa di riposo di Chiaravalle oppure nel corso del ricevimento a Serra dove era presente la prima persona risultata positiva al coronavirus che potrebbe essere stata contagiata dalla donna o viceversa. Dunque si cerca di capire se i due casi di Serra San Bruno siano collegati al focolaio di Chiaravalle. Da ricordare, inoltre, che anche tre familiari del primo caso di Serra (ora ricoverato a Vibo) sono risultati positivi al coronavirus.

A Fabrizia, intanto, dopo il decesso ieri notte all’ospedale di Vibo Valentia del 62enne trasportato domenica sera in seguito ad una crisi respiratoria, ed il caso di altro paziente risultato positivo al Coronavirus, si registrano oggi altri tre nuovi casi all’esito dei tamponi effettuati sia sui familiari del defunto e sia del secondo paziente. Salgono quindi a quattro, in totale, i casi a Fabrizia. Il quinto – come detto – è purtroppo deceduto ieri notte intorno alle 3.30.