Covid 19, il dramma della solitudine di una coppia di anziani a Maierato

Lei è infetta e, per salvare la vita del marito, è costretta a stargli lontano. Ma lui non è autosufficiente. Il pantalone bagnato d’urina asciugato con una stufa metafora del loro abbandono
Lei è infetta e, per salvare la vita del marito, è costretta a stargli lontano. Ma lui non è autosufficiente. Il pantalone bagnato d’urina asciugato con una stufa metafora del loro abbandono
Informazione pubblicitaria
L'anziano di Maierato che asciuga ad una stufa i pantaloni del suo pigiama bagnati di urina

Un lettino spoglio. Una stufetta elettrica  e un anziano mezzo nudo, rannicchiato davanti alla piccola fonte di calore. Ha in mano un paio di pantaloni del pigiama che sta asciugando. «Sono bagnati della sua stessa urina», racconta un vicino di casa che ha scattato una foto emblematica,  così denunciando l’abbandono dei due malati di Covid. «Persone lasciate sole e senza assistenza alcuna – dice il testimone alla nostra redazione -.  Nella totale disperazione». L’anziano, ultranovantenne, sarebbe incapace di prendersi cura di sé. Sua moglie se n’è sempre presa cura, fino a pochi giorni fa, quando ha scoperto di essere positiva al  Covid. Suo marito potrebbe, così,  non aver contratto il virus: il condizionale è d’obbligo, «nessuno infatti – dice il vicino – si sarebbe finora preoccupato di sottoporlo a tempone molecolare».

L’ultranovantenne di Maierato costretto ad asciugare davanti ad una stufa i pantaloni del suo pigiama che – dice il vicino – sarebbero bagnati d’urina

Sua moglie però è positiva. E così ha  limitato i contatti con il congiunto. Si è isolata in un appartamento al piano di sopra. E suo malgrado ha dovuto lasciare da solo il marito 94enne. «Lo ha fatto per salvargli la vita», dice il vicino. Il virus che attecchisce e prolifera nell’organismo di un soggetto fragile potrebbe essere fatale. Lo spia dalle scale, la moglie. Ascolta i suoi passi per assicurarsi che sta bene. Gli prepara da mangiare e glielo lascia davanti alla porta della stanza. Avrebbe chiesto aiuto Eva, ma nessuno si sarebbe fatto avanti. È malata e impossibilitata a prendersi cura del suo anziano compagno di una vita. È fragile. Ed è una donna sola. Il dramma della solitudine che accomuna molti anziani malati di Covid,  si sta consumando in un appartamento di Maierato. «Fate qualcosa per questa coppia» , il grido d’aiuto di Ettore, il vicino, che si rivolge a noi per portare alla luce questa situazione e richiamare l’attenzione delle autorità preposte – Asp e Comune – affinché intervengano «prima che sia troppo tardi, perché la disperazione, prima del Covid, può portare a compiere gesti insani».