La storia di Filogaso in un libro: politica, scuola e chiesa si confrontano

Il volume di Iozzo e Teti verrà donato ai ragazzi. Il sindaco Trimmeliti: «Loro sono il futuro» 

Il volume di Iozzo e Teti verrà donato ai ragazzi. Il sindaco Trimmeliti: «Loro sono il futuro» 

Informazione pubblicitaria
Uno scorcio della piazza di Filogaso
Informazione pubblicitaria

“Filogaso. La grande storia di un piccolo paese”. Una storia scritta nel libro di Nicola Iozzo e Giuseppe Teti, che verrà presentato sabato alle 9.30 nei locali della scuola media grazie all’iniziativa del dirigente scolastico Raffaele Vitale. Nel corso della mattinata sono in programma anche gli interventi di padre Carmelo Maria Silvaggio (carmelitano, rettore del Santuario del Carmine di Palmi) e padre Giuseppe Sinopoli (superiore del convento Cappuccini di Catanzaro); di don Mimmo Sorbilli (parroco di Filogaso) e don Vincenzo Barbieri (parroco di Vallelonga). 

Informazione pubblicitaria

Il dirigente ritiene importante l’iniziativa sia dal punto di vista didattico sia dal punto di vista sociale nella convinzione che la scuola debba «aprirsi alle istanze della società» e che gli alunni debbano «studiare, oltre agli avvenimenti della storia nazionale e mondiale, anche gli eventi della storia locale». 

A fare gli onori di casa il sindaco Massimo Trimmeliti, il quale dal canto suo ritiene che i giovani «come futuri cittadini, amministratori e classe dirigente del paese debbano conoscere le tradizioni ed i luoghi che hanno dato i natali a loro ed ai loro avi per conservarne la memoria storica e preservare quei luoghi dalla distruzione e dall’incuria umana». Una  storia, quella di Filogaso, molto antica e densa di avvenimenti importanti connessi alle vicende ecclesiastiche ed alla nascita della Riforma dei Cappuccini, che qui vide la luce per merito di padre Ludovico Comi e padre Bernardino Molizzi, grazie anche alla protezione e all’incoraggiamento del duca Ferrante Carafa e della moglie Eleonora Concublet. Alla fine dell’incontro, il sindaco darà in omaggio a tutti gli alunni il libro perché lo leggano e producano un elaborato con le loro riflessioni e considerazioni. Il tema che verrà giudicato più pertinente e significativo verrà premiato alla fine dell’anno scolastico.