giovedì,Luglio 29 2021

Parco a Vibo Marina, parla Alfonso Grillo: «Italcementi dice il vero ma serve fare chiarezza»

Il presidente di Eiponieon Projet Center srl interviene dopo la nota dell’azienda. E sulla realizzazione dell’opera annuncia che esiste anche un piano B

Parco a Vibo Marina, parla Alfonso Grillo: «Italcementi dice il vero ma serve fare chiarezza»
Un'immagine del progetto del Parco polivalente a Vibo Marina
Alfonso Grillo
Alfonso Grillo

«In merito alla nota di Italcementi ci tengo a chiarire che, quanto affermato dalla società di Bergamo, e cioè che quest’ultima sia estranea a qualsiasi iniziativa dell’utilizzo del sito di Vibo Marina, è vero, né poteva essere diversamente, in quanto l’idea progettuale proposta, e presentata al 501, è di esclusiva proprietà della società Eiponieon Projet Center srl che mi onoro di presiedere. Così come è vero che le interlocuzioni in essere, tra l’altro confermate dalla stessa Italcementi, non hanno per il momento prodotto nulla di tangibile poiché, essendo il sito in vendita, anche questo confermato nella stessa nota, siamo in attesa di conoscere quali siano gli ulteriori e successivi passi da formalizzare per giungere alla chiusura delle trattative, avendo noi manifestato con atti ufficiali la volontà di acquistare e avendo richiesto la documentazione in merito». [Continua in basso]

Lo stabilimento della Italcementi

A parlare è Alfonso Grillo, presidente della Eiponieon Projet Center srl, il quale fornisce alcune importanti precisazioni in riferimento al comunicato stampa, diffuso ieri dai vertici dell’azienda in merito alla realizzazione del Parco polivalente che si vorrebbe far sorgere proprio nell’area dell’ex stabilimento della Italcementi di Vibo Marina. Grillo, dunque, confermaquanto sostenuto dalla Italcementi. Ripetiamo: la società è estranea a qualsiasi iniziativa e le trattative in essere non hanno per il momento prodotto nulla di tangibile. Detto questo, però, Grillo chiarisce che «il sottoscritto nel suo intervento è stato chiarissimo: più volte ho ribadito che intervenire sull’area di Italcementi è un’opportunità, perché è indispensabile eliminare uno sfregio che lo stabilimento dismesso procura al panorama della cittadina mediterranea, ma non è un obbligo.  È infatti una sensibilità civica – puntualizza il presidente – che va ben oltre l’interesse imprenditoriale quella che spinge la società Eiponieon Projet Center srl a tentare una doppia operazione nell’interesse di tutti, anche di Italcementi:  riconvertire il sito dismesso e costruire una delle opere più grandi e significative mai realizzate in Calabria».

La doppia operazione dal punto di vista imprenditoriale, «lo si intuisce bene, non abbatte i costi semmai li fa lievitare per la società, la quale – spiega sempre Grillo – avrebbe potuto invece favorire un’operazione di altro tipo a costi decisamente inferiori, acquisendo aree libere.  In conclusione, la società Eiponieon Projet Center srl ribadisce e conferma l’intenzione di portare avanti e concluderele trattative per acquisire dell’area di proprietà Italcementi. Ovviamente, se ciò non sarà possibile, per volontà o per motivi che non ci appartengono, in accordo con Igi Investiment, siamo pronti a passare al piano B.  Eiponieon Venus Center  – assicura infine il presidente Grillo – sarà comunque costruito su altra area».

top