giovedì,Maggio 6 2021

Forza Italia, al via la rivoluzione di Mangialavori

Avviato il nuovo corso del partito in provincia e nominati i vicecoordinatori Turcarolo, Ciconte, Manduca e Daffinà. Al coordinamento, formato anche dai consiglieri provinciali Macrì, Galati e Ranieli, si affiancherà un Comitato con almeno un rappresentante per comune. Presto il completo rinnovo degli organismi comunali.

Forza Italia, al via la rivoluzione di Mangialavori

Parola d’ordine: riorganizzazione. A dettarne i tempi e i modi è il consigliere regionale e coordinatore provinciale del partito Giuseppe Mangialavori. Si parla evidentemente di Forza Italia, che avvia nella provincia vibonese quella che viene definita «una nuova fase, aperta alla proposta e al confronto» e mirata ad una «crescita politica sia nell’ambito del centrodestra che del Vibonese stesso».

Si parte intanto, dalla nomina dei vicecoordinatori provinciali, incarico affidato a Maria Rosaria Turcaloro, Michele Ciconte, Raffaele Manduca e Tonino Daffinà. Ad essi si aggiungeranno, quali membri di diritto, anche i tre consiglieri provinciali: Giovanni Macrì, Francesco Galati e Gianfranco Ranieli.

Al coordinamento provinciale si affiancherà un Comitato che vedrà la presenza di almeno un rappresentante per ogni realtà comunale. «A breve – annuncia ancora Mangialavori – saranno rinnovati, in toto, tutti gli organismi comunali. E quindi – prosegue -, avverto il dovere di ringraziare quanti hanno svolto con dedizione e impegno un proficuo lavoro per l’affermazione dei valori di cui Forza Italia è portatrice sin dalla sua fondazione. Una dimensione valoriale che aggiornata alle sfide dell’attualità può offrire riferimenti solidi e profondi».

Forza Italia, è guerra aperta tra Mangialavori e il duo Arena-Salerno

Poi l’invito rivolto ad «iscritti e simpatizzanti di offrire il loro contributo fattivo e di idee per attrezzare, politicamente, il Vibonese di tutti gli strumenti politici necessari ad affrontare le ardue sfide imposte dai tempi. Vibo e la sua provincia oggi più che mai hanno bisogno di una cultura politica di moderna e innovatrice applicata alla prassi. Forza Italia non si sottrarrà alle sue responsabilità che saranno orientate e improntate alle improcrastinabili esigenze di crescita. I territori e le comunità radicate nel comprensorio di riferimento rappresenteranno il primo passaggio di questo nuovo percorso politico».

Articoli correlati

top