domenica,Maggio 9 2021

Covid, Spilinga primo comune a vaccinare tutte le fasce più deboli

Nella giornata di domenica concluse le inoculazioni a 80enni, fragili e allettati. Anche quasi tutti gli over70 hanno già avuto almeno la prima dose

Covid, Spilinga primo comune a vaccinare tutte le fasce più deboli
Il commissario Asp Maria Bernardi a Spilinga

«Un pomeriggio frenetico, quella di domenica scorsa nel salone della scuola elementare di Spilinga, a ritmi velocissimi per assicurare il più alto numero di vaccinati dai sessant’anni in su. Alla fine, in un piccolo comune come quello di Spilinga, nella sola terza giornata di vaccinazione sono state almeno 180 le persone sottoposte ad inoculazione, di cui una quarantina di ultraottantenni alla seconda dose».

È quanto rende noto, in un comunicato stampa, il Comune di Spilinga traendo il bilancio della campagna vaccinale che ha visto, fin qui, sottoporre a vaccino tutti gli over80, i soggetti fragili e gli allettati. Dato che «ha fatto sì che Spilinga sia diventato il primo comune vibonese ad aver completato tutte le fasce più deboli».

Per questo il sindaco Enzo Marasco, ha voluto subito ringraziare la commissaria Asp, Maria Pompea Bernardi: «che domenica pomeriggio si è anche prodigata, da volontaria, ad essere parte attiva direttamente a Spilinga alla seduta di vaccinazione per gli over 60, coadiuvata alla perfezione da tutta la sua equipe, che è stata eccezionale così come l’associazione miletese “Maranathà”, che ha gestito la parte amministrativa. Un altro ringraziamento, oltre ai medici di base, in particolare va al responsabile provinciale delle vaccinazioni domiciliari, Gregorio Polistina, che è stato altrettanto celere a predisporre il servizio per tutti quei nostri cittadini impossibilitati a muoversi da casa. Un lavoro di squadra insieme a quello dell’amministrazione comunale, tutta coinvolta e partecipe nelle varie fasi organizzative, e di alcuni volontari cittadini, che oggi ci vede in una fase avanzata nella “copertura” contro questa terribile pandemia».

Subito dopo gli ultraottantenni, si aggiunge ancora, «si è dato avvio alle vaccinazioni delle altre 140 circa persone tra ultrasessantenni e qualcuno della categoria “Caregiver” o a rischio con vaccini utilizzati tra Pfizer, Moderna, Astrazeneca e Johnson. L’organizzazione è stata abbastanza spedita – si aggiunge -, con il lavoro fatto alla base dall’Amministrazione comunale, e la cura delle prenotazioni e inserimento dati, in aiuto dei cittadini spilingesi, svolto nei giorni precedenti direttamente dell’assessore comunale alla Sanità, Laura Pontoriero e dal consigliere Antonio Miceli. Un vero lavoro di squadra, in piena sintonia per la migliore riuscita della campagna vaccinale e “naturalmente, grazie, anche tutti i nostri concittadini – conclude il sindaco – che in modo ordinato si sono sottoposti alla vaccinazione».

Articoli correlati

top