Coronavirus Vibo, videomessaggio del sindaco: «Insieme ce la faremo»

Le raccomandazioni ai giovani e a chi proviene dal Nord, e i numeri a disposizione degli anziani per medicine e alimentari
Le raccomandazioni ai giovani e a chi proviene dal Nord, e i numeri a disposizione degli anziani per medicine e alimentari
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

Sceglie il videomessaggio, accompagnato da una interprete della Lingua dei segni, il sindaco di Vibo Valentia Maria Limardo per rassicurare i cittadini ma soprattutto per raccomandare il rispetto di norme igieniche e comportamentali che sono l’unica arma per sconfiggere il diffondersi del coronavirus. Il primo cittadino del capoluogo preliminarmente evidenzia «due grandi fortune»: nel Vibonese ci sono solo pochi casi, ed in Calabria – al momento – non esiste alcun focolaio. «Sappiamo esattamente cosa possiamo e dobbiamo fare per evitare il determinarsi di focolai e diffondersi dell’epidemia. L’arma migliore è certamente la prevenzione».

E la prima raccomandazione è per i giovani: «Ragazzi, le scuole sono chiuse non perché c’è vacanza. E voi, genitori, vigilate affinché loro rimangano a casa». La seconda è invece rivolta a chi viene dal Nord: «Ricordatevi che siete sottoposti a quarantena obbligatoria e la violazione della quarantena è reato, ma ancor prima espone a gravissimo rischio voi e la salute dei vostri cari».

Quindi le consuete prescrizioni: «Mantenete la distanza di almeno un metro, non stringetevi la mano o abbracciatevi, avremo tempo in occasioni migliori, non uscite di casa se non è strettamente necessario, non assumete comportamenti che non siano adeguati alle indicazioni ministeriali. Per ogni dubbio o esigenza telefonate al medico di fiducia o ai numeri già diffusi ma evitate di andare al pronto soccorso. Una cosa è certa, e ce lo dicono medici e scienziati: solo se rispetteremo seriamente le norme igieniche e comportamentali riusciremo a vincere la nostra battaglia. Restate a casa, io resto a casa: insieme ce la faremo».

Nel frattempo, sempre il primo cittadino ha comunicato quattro numeri telefonici fissi (0963599314, 0963599500, 0963599510, 0963599520) attivi da lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 14 e martedì e giovedì anche dalle 15.30 alle 18 a disposizione delle persone anziane e/o disagiate che necessitano di assistenza per acquisto medicinali e beni alimentari di prima necessità. Disponibile anche un numero di cellulare 3319955584 attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20. Tutte le richieste – precisa il sindaco – saranno evase il giorno successivo alla richiesta.