domenica,Maggio 16 2021

Vaccini e polemiche, Rodolico: «Anche i medici in pensione ne hanno diritto» – Video

Il direttore del Dipartimento prevenzione dell’Asp di Vibo replica al medico di base Francesco Arena: «Era stato chiamato e ha chiesto un rinvio. Se pensa ci siano stati atti illegali si rivolga all’autorità giudiziaria»

Vaccini e polemiche, Rodolico: «Anche i medici in pensione ne hanno diritto» – Video

«Accuse infondate e rivolte alla persona sbagliata». Così il direttore del dipartimento prevenzione dell’Asp Giuseppe Rodolico replica al medico di famiglia Francesco Arena, che lo aveva accusato di avere dirottato verso altri dipendenti alcune dosi di vaccino anti-Covid destinate ai camici bianchi.

«A gestire la campagna vaccinale – chiarisce Rodolico – non sono io, ma il direttore sanitario aziendale Matteo Galletta, persona quest’ultima competente, che sta svolgendo una campagna vaccinale all’insegna della legalità e del rispetto delle direttive impartite dal ministero della Salute e dall’Istituto superiore della Sanità».

  
«Tutto secondo protocollo» a parere del direttore del dipartimento di prevenzione. Lo stesso accusa il medico di non essersi presentato per il vaccino: «Seppure contattato ieri mattina dagli uffici preposti, ha chiesto un rinvio». Ma andiamo alla denuncia del medico: Possibile che siano state inoculate dosi di vaccino a chi non ne aveva diritto? Come ad esempio ai medici in pensione? «Anche il medico in pensione, ha diritto ad essere vaccinato» afferma Rodolico che aggiunge: «Se ha la priorità o meno rispetto ai “sanitari in trincea”, non lo so. Non sono io che gestisco la campagna vaccinale».

Per il dirigente medico, il dottore Arena «ha sbagliato bersaglio. Fermo restando che se egli ritiene che siano stati commessi degli atti illegali, si può rivolgere alla competente autorità giudiziaria».

Articoli correlati

top