Mileto, il Comune sigla l’accordo di collaborazione con l’Università di Reggio

Il dipartimento Patrimonio architettonico e urbanistico avrà il compito di redigere un Piano strategico per preparare l’ente ad attrarre finanziamenti europei
Il dipartimento Patrimonio architettonico e urbanistico avrà il compito di redigere un Piano strategico per preparare l’ente ad attrarre finanziamenti europei
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

L’Università Mediterranea di Reggio Calabria ha approvato lo schema di accordo Quadro di collaborazione con il dipartimento Patrimonio architettonico e urbanistico (Pau) e il Comune di Mileto. Ad annunciarlo lo stesso sindaco della cittadina normanna Salvatore Fortunato Giordano, il quale nell’occasione sottolinea come questa partnership si inserisca «in un’operazione di ampio respiro, senza costi per l’Ente pubblico (ne è prevista la corresponsione solo esclusivamente in caso di finanziamento), al fine di delineare, in collaborazione con il dipartimento, ma coinvolgendo tutti i professionisti locali e non solo, un programma di sviluppo territoriale, che guardi alle potenzialità del Comune di Mileto e le inserisca in un Piano strategico di vasta gamma in collaborazione con altri comuni».

Informazione pubblicitaria

Uno strumento molto utile, quindi, a parere del sindaco, «che serve a razionalizzare la spesa, ma soprattutto a sfruttare tutte le occasioni che si presentano con i fondi europei e altri, e che consentirà al Comune di Mileto di preparare proposte di sviluppo, essendo pronti nelle occasioni dei vari bandi di finanziamento. Per quel che mi riguarda – aggiunge – questa iniziativa rientra nella programmazione che questa amministrazione si è data, e dopo il primo anno, in cui lo sforzo è stato eccezionale, volto anche a ridare dignità a questo territorio, è il momento di pensare ad uno sviluppo sostenibile della nostra comunità. Per fare questo, oltre alle sinergie locali, le quali saranno sempre coinvolte, è necessario affidarsi a quanto offre la nostra Regione in tema, onde razionalizzare la spesa e massimizzare i “profitti” pubblici, nell’unico interesse di cercare di dare un contributo per lo sviluppo del territorio».

Giordano prosegue nella sua disamina, salutando «con grande entusiasmo il passo in avanti» fatto con l’approvazione dello schema, da parte dell’Università Mediterranea, e ringraziando il professore Francesco Calabrò e il sindaco di Tropea Nino Macrì, «che mi ha sensibilizzato sul tema». Il Comune di Mileto, del resto, aveva sottoscritto l’intesa già nell’aprile scorso. Quindi l’annuncio finale: «A breve ci renderemo promotori di un’iniziativa pubblica per coinvolgere, come detto, tutti i professionisti locali, le imprese, le associazioni e le altre realtà socio-produttive, al fine di dare a tutti una possibilità di un contributo in questa visione di crescita sociale, che miri alla valorizzazione del nostro patrimonio e delle nostre risorse».