Caso Vibonese, nuova doccia fredda: arriva la sospensiva del Coni

Il Collegio di garanzia del Comitato olimpico nazionale accoglie una prima richiesta di Figc e Lega Pro e sospende l’esecutorietà della sentenza della Cfa che riammetteva in Serie C la compagine rossoblù

Il Collegio di garanzia del Comitato olimpico nazionale accoglie una prima richiesta di Figc e Lega Pro e sospende l’esecutorietà della sentenza della Cfa che riammetteva in Serie C la compagine rossoblù

Informazione pubblicitaria
La sede del Coni a Roma

Il presidente del Collegio di garanzia del Coni, Franco Frattini, ha emanato un decreto in merito al ricorso presentato dalla Figc contro la Vibonese calcio, con il quale “impregiudicata ogni ulteriore decisione sul rito e sul merito, ha sospeso l’esecutorietà della sentenza della Corte federale d’appello (Cfa) appellata fino alla data della discussione collegiale, da fissarsi con abbreviazione dei termini ai sensi del vigente Codice di giustizia sportiva”.

Ciò “ritenuto che – scrive ancora il Coni – le implicazioni derivanti dalla immediata esecuzione della sentenza impugnata, anche con ripercussioni su altre squadre estranee al contenzioso in esame, sarebbero tali da imporre a Figc e Lnd significative modifiche ai calendari ancor prima di conoscere l’esito definitivo della controversia, che solo il Collegio di garanzia a Sezioni unite potrà stabilire”.

LEGGI ANCHE:

La Vibonese Calcio riammessa in serie C, accolto il ricorso (VIDEO)

Vibonese in Serie C, Figc e Lega Pro presentano ricorso

Caso Vibonese, Costa rompe il silenzio: “Faremo un consiglio comunale allo stadio” (VIDEO)