Acqua non potabile e con parametri fuorilegge a Joppolo e Coccorino

Nuova ordinanza di divieto da parte del sindaco Carmelo Mazza dopo il risultato delle ultime analisi

Nuova ordinanza di divieto da parte del sindaco Carmelo Mazza dopo il risultato delle ultime analisi

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Nuova ordinanza per il divieto dell’uso dell’acqua nel territorio comunale di Joppolo. Il sindaco Carmelo Mazza, vista la nota pervenuta dalla società Sigra (Servizi integrati per la gestione del rischio aziendale), affidataria del servizio di autocontrollo delle acque, ha deciso di vietare in via cautelativa l’uso dell’acqua per uso alimentare, lavaggio e preparazione degli alimenti, l’igiene orale, il lavaggio di apparecchiature sanitarie, il lavaggio di oggetti per l’infanzia (biberon, contenitori di pappe, ecc). L’acqua può invece essere utilizzata per la pulizia della casa e per l’igiene della persona, esclusa quella orale. Il divieto interessa l’acqua fornita dalla sorgente San Francesco, dalla sorgente Nucicia, dalla sorgente Padre Pio, dal serbatoio comunale di Buria (Joppolo) e dal serbatoio comunale di Coccorino. In tali punti le analisi hanno rivelato dei risultati con parametri batteriologici superiori ai limiti di legge. 

Informazione pubblicitaria