Raccolta differenziata, nelle Vene il “porta a porta” è realtà

Servizio al via da ieri nelle frazioni Vena Superiore e Vena Media. A Vena Inferiore era già partito nel mese di agosto con risultati incoraggianti. Contestualmente alla consegna dei kit sono stati eliminati i cassonetti dell’indifferenziata

Servizio al via da ieri nelle frazioni Vena Superiore e Vena Media. A Vena Inferiore era già partito nel mese di agosto con risultati incoraggianti. Contestualmente alla consegna dei kit sono stati eliminati i cassonetti dell’indifferenziata

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

È stata avviata da ieri, lunedì 10 ottobre, la raccolta differenziata “porta a porta” nelle frazioni di Vena superiore e Vena media di Vibo Valentia. A Vena inferiore, invece, la raccolta differenziata è attiva sin dal mese di agosto. 

Informazione pubblicitaria

«Gli operatori dell’Ased, azienda che gestisce i rifiuti nel Comune di Vibo Valentia – secondo quanto si legge in un comunicato diffuso dall’assessore all’Ambiente Antonio Scuticchio – hanno distribuito a domicilio circa 600 kit. Domani e nei prossimi giorni verranno distribuiti altri 150 kit ad altrettante utenze». I nuclei familiari che in questi giorni non si vedranno consegnare il kit (mastello per l’organico, buste colorate per carta-cartone e multimateriale plastica-vetro-alluminio), potranno richiederlo al numero verde Ased 800.572060.

 «Contestualmente con l’avvio della differenziata – si fa sapere ancora -, in tutta Vena sono stati tolti i cassonetti della spazzatura.  I cassonetti sono stati tolti anche in via Scannapieco, dove, tuttavia, gli operatori ecologici hanno riscontrato l’abbandono di diversi sacchi di rifiuti per strada e perciò sono stati costretti ad installare un cartello di divieto di abbandono rifiuti. E’ il caso di ricordare che ai trasgressori saranno comminate multe da 50 euro in su».   

L’assessore Scuticchio si dice «certo che la popolazione di Vena superiore e Vena inferiore contribuirà all’incremento della raccolta differenziata, così come sta facendo da agosto la popolazione di Vena inferiore».