Vibo Marina, raccolta differenziata al via tra controlli e buoni propositi (VIDEO)

Il servizio “porta a porta” appena avviato dà i primi incoraggianti risultati sotto l’occhio vigile della Polizia Municipale pronta a rilevare irregolarità nel conferimento dei rifiuti. Più critica la situazione nel capoluogo

Il servizio “porta a porta” appena avviato dà i primi incoraggianti risultati sotto l’occhio vigile della Polizia Municipale pronta a rilevare irregolarità nel conferimento dei rifiuti. Più critica la situazione nel capoluogo

Informazione pubblicitaria
I vigili urbani a Vibo Marina

“E’ difficile separare i rifiuti, ci vuole tempo, ci dobbiamo fare l’abitudine”. E poi “la raccolta differenziata sarà vanificata dai turisti” e infine “i cassonetti creano ingombro nelle nostre case, non era meglio dotarsi di contenitori condominiali?”.

Sono tante le domande e altrettanti i dubbi dei cittadini di Vibo Marina alle prese da qualche giorno con la raccolta differenziata porta a porta.

Le cattive abitudini sono dure a morire. Ma nonostante qualche resistenza e più di un mugugno a Vibo Marina il servizio, atteso da anni, è partito. Spariti i cassonetti, la città si presenta pulita e ordinata. Il mercoledì nella popolosa frazione marina si raccoglie la plastica. Gli operatori della Dusty, azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti, sono impegnati nel servizio.

Un bollino rosso segnala il rifiuto non conforme. A vigilare che tutto vada per il meglio una pattuglia della Polizia municipale che ha già elevato una multa per abbandono di rifiuti ingombrati. Lungo il quartiere Pennello e in via stazione dove fino a ieri si era formata una micro discarica a cielo aperto, la situazione è migliorata.

Alle operazioni ha preso parte anche il referente locale della Dusty Rino Farfaglia che parla di grande risultato: «Fino a qualche giorno fa raccoglievamo oltre dieci tonnellate di rifiuti indifferenziati al giorno, dall’avvio del servizio porta a porta siamo passati a 350 chili di Rsu, e oggi abbiamo raccolto solo 30 buste della spazzatura. Segno che la gente risponde positivamente al nostro impegno e i risultati – conclude – sono davanti agli occhi di tutti».

Nella sede dell’associazione Federica per La vita Onlus la distribuzione dei kit per differenziare i rifiuti. La popolazione si mette in fila per ritirare i contenitori. «Speriamo sia la volta buona – afferma un abitante, che poi aggiunge – noi cittadini dobbiamo fare la nostra parte, così come il Comune. L’auspicio è abbattere il costo della tassa sui rifiuti».

Catastrofica è invece la situazione a Vibo città. Qui la raccolta differenziata stenta a partire. I cassonetti sono stracolmi di rifiuti di ogni genere a causa dell’ ennesima chiusura dell’impianto di conferimento.