Vibo Marina, revocato il bando per il Piano di rigenerazione del quartiere Pennello (VIDEO)

Le indicazioni del nuovo Psc e la nuova legge regionale urbanistica prevedono la possibilità di recuperare anche gli insediamenti abusivi

Le indicazioni del nuovo Psc e la nuova legge regionale urbanistica prevedono la possibilità di recuperare anche gli insediamenti abusivi

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Revocata dal dirigente del Comune di Vibo (settore Territorio e Pianificazione urbana), Michele Fratino, la procedura avviata per l’acquisizione di manifestazioni d’interesse per l’affidamento dell’incarico per la redazione del Piano attuativo per il recupero e la rigenerazione urbana del quartiere Pennello di Vibo Marina.

Informazione pubblicitaria

Il bando di gara per i lavori di riqualificazione urbana del quartiere Pennello – attraverso l’invito ad almeno cinque soggetti in possesso di appositi requisiti – era stato approvato con determina del 20 febbraio 2015. 

Il 29 settembre scorso, però, l’assessore all’Urbanistica Katia Franzè ha chiesto di sospendere la procedura di gara tenendo conto che dalla seduta consiliare potrà essere individuata “una possibile pianificazione attuativa dell’intero compendio con specificazione e deliberazione nel rispetto del Piano strutturale comunale”.

Ed infatti il Consiglio comunale il 2 ottobre scorso ha dato indirizzo al dirigente di settore affinchè procedesse alla redazione di un bando per l’affidamento della redazione del Piano di recupero urbano seguendo le indicazioni contenute nel Piano strutturale comunale (Psc). 

La nuova legge urbanistica della regione Calabria, approvata nel 2002, prevede inoltre la redazione di Piani attuativi, fra cui il “Programma di recupero degli insediamenti abusivi (Pra)”, finalizzato al reinserimento nel contesto urbano di parti della città particolarmente interessate dai fenomeni di abusivismo edilizio, attraverso interventi di riqualificazione urbanistica, architettonica ed ambientale. 

L’oggetto della prestazione professionale differisce quindi dalla prestazione a suo tempo richiesta con la procedura avviata nel 2015, atteso che lo studio di cui si chiedeva la redazione non sarebbe sufficiente ad approvazione del Programma di recupero degli insediamenti abusivi del quartiere Pennello di Vibo Marina. Da qui la determina di revoca della procedura avviata per l’acquisizione di manifestazioni d’interesse per l’affidamento dell’incarico per la redazione del Piano attuativo per il recupero e la rigenerazione urbana del quartiere Pennello.