domenica,Gennaio 23 2022

Colpo al clan Molè, la moglie di un imprenditore ai pm: «Noi, ridotti sul lastrico»

Lapidari i pm di Milano: «Una 'ndrangheta 2.0, che ha cambiato rotta, sfrutta le competenze di evasione fiscale»

Colpo al clan Molè, la moglie di un imprenditore ai pm: «Noi, ridotti sul lastrico»

Imprenditori lombardi prima «ridotti sul lastrico», attraverso meccanismi di estorsione «a tappeto» ed usura, e poi «sfruttati» per le loro competenze e con le loro imprese divorate dai clan. È il quadro che emerge dal filone lombardo della maxi inchiesta contro la ‘ndrangheta che oggi ha portato ad oltre 100 misure cautelari, per come è stato descritto dai pm di Milano Sara Ombra e Pasquale Addesso e dall’aggiunto della Dda Alessandra Dolci. [Continua in basso]

Ombra ha raccontato anche un particolare di una testimonianza della moglie di un imprenditore («una famiglia sul lastrico, sfrattata»), riportando le parole della donna: «Mio marito era costretto a dormire in macchina». Una «’ndrangheta 2.0» che ha «cambiato rotta», stando alla descrizione di Dolci, con gli «imprenditori trasformati da vittime in strumenti di arricchimento e collusi». Il pm Addesso ha chiarito che ad «unire» alcuni imprenditori lombardi alle cosche della ‘ndrangheta è la «evasione fiscale», perché una volta che gli imprenditori accettano di far entrare la ‘ndrangheta «la massimizzazione dei profitti» viene realizzata attraverso «l’evasione».

Articoli correlati

top