Carattere

Gli ungulati hanno trovato un varco d’accesso e si sono inconsapevolmente accaniti sui luoghi che custodiscono le povere spoglie dei defunti

Cronaca

Si fa sempre più invadente la presenza di cinghiali ai margini dei centri abitati del Vibonese. L’ultimo episodio, che rende evidente la portata di quella che da molte parti - specie dal mondo agricolo - viene definita “emergenza”, è quello avvenuto a Sorianello dove gli ungulati si sono introdotti nel cimitero lasciando sul terreno inequivocabili segni del loro passaggio. L’episodio ha, comprensibilmente, destato sconcerto e stupore tra i cittadini. Soprattutto tra chi approfittando della giornata festiva, si è recato come di consueto al camposanto per far visita ai propri cari. Inquietante lo scenario che si è trovato davanti agli occhi: il terreno tra alcune lapidi era solcato in più parti e per diversi centimetri di profondità, smosso e sparpagliato al margine dei vialetti. Gli animali avrebbero dunque trovato un varco nel perimetro di cinta del luogo sacro, accedendo indisturbati e accanendosi inconsapevolmente sui luoghi che custodiscono le povere spoglie mortali.   

Seguici su Facebook