Carattere

Ecco tutte le accuse. Sotto inchiesta anche la ragazza contesa fra la vittima e Antonio Prostamo. L’ombra dei clan Prostamo e Mancuso nell'intera vicenda

Cronaca

Ci sono altri quattro indagati nell’inchiesta sulla scomparsa del 26enne Francesco Vangeli, scomparso ad ottobre dello scorso anno da Scaliti di Filandari ed il cui corpo non è stato ancora ritrovato. Oltre ad Antonio Prostamo, 30 anni, di San Giovanni di Mileto, arrestato stamane – su fermo di indiziato di delitto vergato dalla Dda di Catanzaro con le accuse di omicidio aggravato dal metodo mafioso, distruzione di cadavere, poro e detenzione di arma da fuoco – sono indagati: Giuseppe Prostamo, 33 anni (già detenuto per altro), fratello di Antonio; Fausto Signoretta, 28 anni, di Nao di Ionadi; Alessio Porretta, 23 anni, di Filandari; Alessia Pesce, 20 anni, di Pizzinni di Filandari. Di concorso in omicidio con il fratello è accusato Giuseppe Prostamo, mentre di favoreggiamento personale nei confronti dei fratelli Prostamo è accusato Alessio Porretta, ritenuto “complice dell’omicidio di Francesco Vangeli”.

Alessio Porretta, da amico di Francesco Vangeli, avrebbe condotto quest’ultimo a casa dei Prostamo “consapevole delle intenzioni dei due fratelli”. Fausto Signoretta, pure lui amico di Francesco Vangeli ed accusato di favoreggiamento personale nei confronti dei Prostamo, avrebbe invece cercato “di sfruttare i propri collegamenti con la famiglia Mancuso di Limbadi per mediare con i Prostamo nel tentativo di placare gli animi”. Anche Fausto Signoretta è accusato di essersi recato la notte dell’omicidio a San Giovanni di Mileto, ma in un momento temporale differente rispetto a Vangeli ed a Porretta. In tale occasione sarebbe stato aggredito fisicamente dai Prostamo al fine di cacciarlo dalla loro abitazione”. Antonio Prostamo è quindi accusato del reato di percosse ai danni di Alessia Pesce, 20 anni, la ragazza contesa con Francesco Vangeli. L’odierno arrestato, Antonio Prostamo, avrebbe brutalmente percosso Alessia Pesce il 18 novembre dello scorso anno, incurante della gravidanza in corso della ragazza. Quest’ultima è indagata per il reato di false dichiarazioni rilasciate al pubblico ministero in quanto avrebbe reso “false affermazioni o taciuto in tutto o in parte ciò che sapeva intorno ai fatti sui quali veniva sentita. In particolare, riferiva – in contraddizione con le dichiarazioni rese nel verbale di sommarie informazioni testimoniali del 10 ottobre 2018 – che nell’agosto 2018 tra lei e Francesco Vangeli non vi erano stati rapporti sessuali e di non aver subito maltrattamenti o percosse da Antonio Prostamo”. Particolare significativo, il fatto che Fausto Signoretta viene ritenuto dagli inquirenti come soggetto “inserito già in famiglie di ‘ndrangheta in quanto ha tenuto a battesimo la figlia di Giuseppe Mancuso, figlio di Giovanni Mancuso (cl. ’41), ritenuto uno dei vertici dell’omonimo clan.     

LEGGI ANCHE: Omicidio Vangeli, Gratteri: «Chiuso in un sacco ancora vivo e gettato nel fiume» - Video

Omicidio Vangeli nel Vibonese, un arresto da parte dei carabinieri - Video

Lacnews24.it
X

In evidenza

Seguici su Facebook