Da venerdì in onda “Il bollettino del mare” di Guardia Costiera e LaC

L'iniziativa segna una nuova stagione di collaborazione e comunicazione congiunta. Spazio a previsioni marittime, informazioni e consigli per la sicurezza, indicazioni ai bagnanti. Il tutto, dal cuore della sala operativa del comando vibonese

L'iniziativa segna una nuova stagione di collaborazione e comunicazione congiunta. Spazio a previsioni marittime, informazioni e consigli per la sicurezza, indicazioni ai bagnanti. Il tutto, dal cuore della sala operativa del comando vibonese

Informazione pubblicitaria

Al via “Il bollettino del mare”: da venerdì 12 luglio, e per tutta la stagione estiva, il format LaC Viaggiare, (viaggi, cultura e turismo) torna ad anticipare cosa riserverà la navigazione e la frequentazione dei mari e delle spiagge calabresi nell’arco del fine settimana. La messa in onda, ogni venerdì e sabato, avverrà all’interno della fascia oraria mattutina riservata all’informazione, tra le 7 e le 8.30. Altre repliche, saranno eventualmente previste a ridosso del tg di LaC giornaliero e serale. Spazio a previsioni marittime, avvisi ai naviganti, consigli per la sicurezza, indicazioni ai bagnanti. Il servizio è reso possibile grazie all’avvio di una seconda stagione di collaborazione tra Guardia Costiera – comando territoriale Capitaneria di Porto di Vibo Marina, e Gruppo Pubbliemme, hub di comunicazione e media tra i più importanti del Mezzogiorno. 

Informazione pubblicitaria

Il bollettino, che offre un quadro puntuale delle condizioni del mare per il week end, è curato dagli esperti militari in forze al comando, e viene girato nel cuore della sala operativa vibonese. Target di riferimento, non solo i diportisti, ma tutti coloro che con il mare vivono e lavorano. Questa seconda campagna di comunicazione di servizio, avverrà sotto l’occhio vigile del comandante di Fregata Giuseppe Spera, massima autorità del compartimento marittimo che comprende Vibo, Catanzaro, Cosenza e Potenza, e che si estende per 240 chilometri, 4 province e 36 comuni della fascia tirrenica tra Basilicata e Calabria. Un segnale forte di fiducia da parte delle forze preposte al controllo della navigazione e della difesa del nostro mare.