martedì,Gennaio 25 2022

Rinascita Scott, reportage di France24: maxiprocesso ignorato dalla stampa italiana

Il viaggio della troupe francese nella provincia di Vibo Valentia: le interviste a Gratteri e Bui, ma anche le storie di resistenza e coraggio di Carmine Zappia e Martino Ceravolo

Rinascita Scott, reportage di France24: maxiprocesso ignorato dalla stampa italiana
Nicola Gratteri procuratore di Catanzaro

“Italy’s ‘Ndrangheta mafia: a trial for the history books”. È il titolo del reportage in lingua inglese trasmesso nella serata di ieri da France24 (https://www.france24.com/en/tv-shows/reporters/20220107-italy-s-ndrangheta-mafia-a-trial-for-the-history-books), colosso multimediale francese, a cura di Louise Malnoy, in collaborazione con Charlotte Davan Wetton, Lorenza  Penza e Natalia Mendoza. [Continua in basso]

Un viaggio nella ‘ndrangheta che parte dall’ufficio del procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri, che narra del maxiprocesso Rinascita Scott (sempre più ignorato dai media italiani ma di nuovo al centro dell’attenzione internazionale) e che attraversa la provincia di Vibo Valentia. Lo speciale inizia con l’intervista al capo della Dda di Catanzaro, il quale racconta la sua storia sotto scorta, il significato dell’inchiesta Rinascita Scott ed il valore, anche simbolico, dell’aula bunker di Lamezia Terme. La troupe di France 24 sale anche a bordo dell’auto blindata del magistrato simbolo nella lotta alla ‘ndrangheta, accompagna i carabinieri di Vibo Valentia in un servizio di controllo del territorio e intervista il capitano Alessandro Bui, comandante del Nucleo investigativo di Vibo Valentia. 

Giuseppe Borrello e Carmine Zappia

Le giornaliste francesi intervistano, tra gli altri Carmine Zappia, imprenditore e testimone di giustizia, e Martino Ceravolo, il papà di Filippo, vittima innocente della criminalità organizzata, ucciso la sera del 25 ottobre 2012 nelle Preserre vibonesi. “Italy’s ‘Ndrangheta mafia: a trial for the history books” mostra anche l’impegno dell’associazione Libera nel territorio di Vibo Valentia e, in particolare, del referente provinciale Giuseppe Borrello, che animò la storica manifestazione del 24 dicembre 2019, quando circa duemila cittadini, cinque giorni dopo la maxioperazione, scesero in strada per esprimere la loro gratitudine alla magistratura e ai carabinieri, del Ros di Catanzaro e Roma e del Comando provinciale di Vibo Valentia.

Martino Ceravolo

Il reportage dell’emittente francese fa anche tappa davanti all’abitazione di Luigi Mancuso e nel porto di Gioia Tauro. Intervista il collaboratore di giustizia crotonese Luigi Bonaventura e mostra immagini esclusive, come quelle inerenti la cattura di Domenico Bonavota, il presunto boss di Sant’Onofrio tra i principali imputati di Rinascita Scott.

Del maxiprocesso Rinascita Scott si è occupata anche LaC con una trasmissione dedicata, articolata in due stagioni, volta a rompere il silenzio e raccontare uno dei più grandi processi contro la criminalità organizzata (RIVEDI QUI LE PUNTATE)

Articoli correlati

top