Omissione d’atti d’ufficio: indagati Nicola D’Agostino e Adriana Teti

L'ex sindaco e la dirigente comunale non avrebbero disposto i dovuti controlli su un muro pericolante.

L'ex sindaco e la dirigente comunale non avrebbero disposto i dovuti controlli su un muro pericolante.

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

L’ex sindaco di Vibo Valentia Nicola D’Agostino e la dirigente comunale Adriana Teti dovranno rispondere del reato di omissione di atti d’ufficio in concorso. Agli stessi è stato recapitato, dal pm Benedetta Callea, un avviso di conclusione indagini.

Informazione pubblicitaria

Entrambi avrebbero omesso di disporre controlli su un muro pericolante. Il 31 ottobre del 2013, infatti, il comando provinciale dei Vigili del fuoco segnalava il possibile crollo di un muro alto circa 6 metri e lungo circa 50 metri presente al confine di due proprietà, in località Aeroporto.

Secondo la Procura, i due pubblici ufficiali «omettevano di disporre accertamenti di natura strumentale e volti ad appurare l’effettiva pericolosità del manufatto nonché interventi di messa in sicurezza dello stesso e ad interdire il transito e la sosta nelle aree adiacenti al medesimo su entrambi i lati».