mercoledì,Luglio 24 2024

‘Ndrangheta, il neo pentito Formosa: «La cosca Crea voleva uccidere l’imprenditore Inzitari»

Il tentato omicidio avvenuto il 25 luglio 2017 nel piazzale antistante il centro commerciale i "Portali" di Corigliano Rossano. Stamani quattro persone sono state arrestate

‘Ndrangheta, il neo pentito Formosa: «La cosca Crea voleva uccidere l’imprenditore Inzitari»
L'imprenditore Inzitari

di Antonio Alizzi
La cosca Crea di Rizziconi voleva uccidere l’imprenditore reggino Pasquale Inzitari, padre di Francesco, giovane 18enne ucciso nel 2009 a Taurianova. A svelarlo è il neo collaboratore di giustizia Gianenrico Formosa, colui il quale ha permesso alla Dda di Catanzaro di riprendere i fili investigativi del tentato omicidio avvenuto il 25 luglio 2017 nel piazzale antistante il centro commerciale i “Portali” di Corigliano Rossano. Di ciò ne dà atto il gip distrettuale di Catanzaro, evidenziando come le dichiarazioni di Formosa, auto ed etero accusatorie, hanno permesso di acquisire notizie, dati e informazioni utili alla Dda di Catanzaro e ai carabinieri del Reparto Territoriale di Corigliano Rossano, al fine di riaprire l’indagine. E proprio stamani, i Carabinieri del Reparto Territoriale di Corigliano Rossano, nelle province di Brescia, Bologna e Viterbo, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Dda di Catanzaro, diretta dal Procuratore Nicola Gratteri. Quattro le persone arrestate, due in carcere e due ai domiciliari. Continua a leggere su LaCnews24.it

LEGGI ANCHE: Vittime di ‘Ndrangheta, a Mammasantissima la storia di Francesco Inzitari -Video

Latitanza del boss Crea a Ricadi, otto arresti: coinvolti pure Luigi Mancuso e Pasquale Gallone

‘Ndrangheta: sequestrati beni mobili e immobili nel Vibonese

Rinascita Scott: lascia il carcere il figlio del defunto boss di Vibo

Articoli correlati

top