lunedì,Giugno 17 2024

Omicidio Corigliano a Mileto: libero giovane di Tropea accusato di aver agito da killer

Il Tribunale del Riesame ha annullato la misura cautelare in accoglimento di un ricorso dei difensori

Omicidio Corigliano a Mileto: libero giovane di Tropea accusato di aver agito da killer

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro, in accoglimento del riesame interposto dagli avvocati Sandro D’Agostino e Giovanni Vecchio, ha annullato la custodia cautelare in carcere emessa nei confronti di Giuseppe Mazzitelli, 33 anni, di Tropea, arrestato nell’ambito dell’operazione Maestrale-Carthago con l’accusa di omicidio aggravato dalle modalità mafiose, perpetrato ai danni di Angelo Corigliano, ucciso a Mileto il 19 agosto 2013. La contestazione viene mossa a Giuseppe Mazzitelli in concorso con Salvatore Pititto, Domenico lannello, Domenico Polito. Il fatto di sangue era stato già oggetto delle dichiarazioni rese dalla collaboratrice di giustizia Oksana Verman, compagna di Salvatore Pititto, confluite in un procedimento penale definito in primo grado dalla Corte d’Assise di Catanzaro il 25 febbraio 2022. In seguito ad un’intercettazione disposta in altro procedimento nei confronti di Michele Galati di Mileto veniva quindi ipotizzata una diversa versione dei fatti, secondo cui «….ha sparato uno di Tropea, si chiama Giuseppe e guidava la moto a Mimmo da “Canigghja” e non me lo dire a me!». Secondo il gip distrettuale che ha disposto la custodia cautelare in carcere «Polito riferisce a Galati che sulla moto, con a bordo i killer che materialmente uccisero Corigliano, non c’era Salvatore Pititto, evidenziando che però era presente un soggetto proveniente dal centro abitato di Tropea il cui nome è Giuseppe, posto alla guida, e che sul sedile passeggero si trovava Domenico Iannello, contiguo alla cosca dei Mesiano». La difesa tramite una memoria difensiva, che ha utilizzato anche una consulenza tecnica di Andrea Antonio Miriello, è riuscita a dimostrare la genericità dei dati utilizzati per l’identificazione del Giuseppe di Tropea come Giuseppe Mazzitelli, riuscendo ad ottenere la remissione in libertà dell’indagato.

LEGGI ANCHE: Maestrale: il monopolio del pane a Mileto e la svolta sugli esecutori dell’omicidio di Angelo Corigliano

Maestrale-Carthago: luce pure sugli omicidi di Maria Chindamo e Angelo Corigliano

top