mercoledì,Luglio 24 2024

Mileto, danneggiata la scultura raffigurante Nicholas Green all’ingresso del Parco urbano

In frantumi la scultura che immortala il viso del bambino statunitense ucciso nel 1994 sull’A3 Salerno-Reggio Calabria per mano di due rapinatori miletesi

Mileto, danneggiata la scultura raffigurante Nicholas Green all’ingresso del Parco urbano

Inquietante episodio nella notte a Mileto, registratosi tra l’altro nel momento storico in cui la Prefettura di Vibo Valentia ha deciso, il mese scorso, di nominare una Commissione di accesso agli atti al fine di accertare eventuali infiltrazioni mafiose all’interno del Comune. Questa mattina chi si accinge ad entrare nel parco urbano (ex Foro Boario) si trova il monumento posto al momento dell’intitolazione dell’area verde a Nicholas Green gravemente danneggiato. Per terra, infatti, è la scultura, posta sulla lastra marmorea, che immortala il viso dello sfortunato bambino statunitense, ucciso il 29 settembre del 1994 sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria in un fallito tentativo di rapina. L’auto sulla quale viaggiava era stata presa a noleggio dai genitori Reginald e Maggie Green. A bordo anche la piccola Eleanor. Un fatto di cronaca che fece il giro del mondo, anche perché i genitori di Nicholas decisero di donare gli organi del bimbo di 7 anni permettendo di salvare altre vite e aiutare la diffusione della donazione degli organi all’epoca quasi inesistente in Italia. L’intitolazione del parco urbano a Nicholas Green è avvenuta il 5 ottobre scorso per volontà dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Salvatore Fortunato Giordano, nell’ambito dell’annuale “Giornata della Legalità”. Una cerimonia – presente anche il vescovo Attilio Nostro – con tanto di svelamento della targa in marmo dedicata al piccolo bimbo statunitense, realizzata dal maestro vibonese Antonio La Gamba. Sulla lastra rimane ancora la significativa scritta: Ho seminato più di un fiore, ho seminato vite, ho seminato amore”, a sottolineare l’importanza del gesto d’amore dei genitori di Nicholas di donare gli organi del figlio. La scultura che immortala il volto di Nicholas si trova ora mestamente spaccata e “violentata” per terra. Toccherà adesso ai carabinieri della locale Stazione cercare di capire la matrice dell’accaduto. Al riguardo, utili potrebbero risultare le immagini a circuito chiuso delle telecamere poste all’esterno di alcune vicine abitazioni private.

LEGGI ANCHE: A Mileto il parco “Nicholas Green”, il sindaco: «Usciti dall’oblio». I genitori ringraziano con una lettera

top