Bimbo morto, parla il nonno: «Avrebbe riempito le nostre vite, siamo distrutti» – Video

Tommaso Marchese nello studio dell’avvocato per sporgere denuncia: «I genitori aspettavano la data del cesareo, nessuno si è fatto sentire»
Tommaso Marchese nello studio dell’avvocato per sporgere denuncia: «I genitori aspettavano la data del cesareo, nessuno si è fatto sentire»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Tommaso Marchese è il nonno di Domenico, questo il nome che i genitori avevano deciso di dare al loro secondogenito. Lo incontriamo nello studio legale dell’avvocato Antonella Natale, del foro di Vibo Valentia. A lei, la famiglia di Favelloni di Cessaniti, si è affidata per fare chiarezza sul decesso del feto. Non riesce a trattenere le lacrime Tommaso. Ricorda la telefonata della mattina. Ricorda le parole del figlio: «Piangendo mi ha detto, papà il bambino è morto! Non ci potevo credere» racconta tra le lacrime. «Non vedevamo l’ora di abbracciare questo nipotino che avrebbe riempito la nostra famiglia di gioia e invece eccomi qui in uno studio di un avvocato per sporgere denuncia». [Continua dopo la pubblicità]

Informazione pubblicitaria

Con lui ripercorriamo le ultime settimane vissute dal figlio e dalla giovane nuora, un’insegnante di 32 anni.  «Il 26 settembre la visita in ospedale, era tutto regolare. Il bambino stava bene. Ci vediamo la prossima settimana per programmare il cesareo», le ultime parole del medico. Ma di settimane ne sono passate due. Lunedì scorso, non ottenendo nessuna risposta sulla data del cesareo, lo stesso nonno si è recato in reparto per chiedere spiegazioni. L’ostetrica lo avrebbe rassicurato: «La chiameranno a breve, state tranquilli». 

L’altro ieri il malessere della donna che si è precipitata in ospedale: «Tornate domani, oggi non è possibile intervenire, manca l’anestesista» avrebbe detto un operatore sanitario. E così ieri mattina marito e moglie insieme al figlio di due anni si sono ripresentati in ospedale, scoprendo dal tracciato che il cuore del feto aveva smesso di battere. Spetterà alla magistratura fare luce su ciò che è accaduto ed accertare eventuali responsabilità. «Noi familiari, io come nonno volevo solo abbracciare il mio nipotino, non essere in questo studio…».