“Truffa dello specchietto” nel Vibonese, denunciato 37enne siciliano

I carabinieri della Stazione di Zungri hanno deferito in stato di libertà per truffa e detenzione di banconote false un uomo domiciliato a Rosarno

I carabinieri della Stazione di Zungri hanno deferito in stato di libertà per truffa e detenzione di banconote false un uomo domiciliato a Rosarno

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Nella mattinata di oggi i militari della Stazione dei Carabinieri di Zungri hanno denunciato in stato di libertà in 37enne di Noto (Sr), domiciliato a Rosarno (Rc), per truffa e detenzione di banconote falsificate.

Informazione pubblicitaria

Nello specifico, l’individuo, a seguito di denuncia di alcuni abitanti di Zungri, è stato riconosciuto come l’autore di diverse cosiddette “truffe dello specchietto”, simulando, nella giornata di ieri, di essere vittima di incidenti stradali con gli ignari cittadini al fine di “farsi pagare” il danno ricevuto, senza passare dalla constatazione del sinistro.

I militari, postisi immediatamente alla ricerca dell’individuo, si sono diretti verso la Sp n. 17 per rintracciare la Fiat Panda descritta dalle vittime notando quindi una macchina corrispondente alla descrizione in sosta lungo la provinciale, a bordo della quale c’era il 37enne siciliano, già conosciuto dalle forze dell’ordine per intraprendere furti e truffe di questo genere spostandosi in vari comuni italiani.

Lo stesso, riconosciuto dalle vittime, è stato perquisito; in questo contesto, oltre alla denuncia per truffa, l’uomo è stato trovato in possesso di tutto il denaro sottratto, 150 euro, e di una banconota falsa da 10 euro, beccandosi dunque una denuncia anche per il possesso di banconote false.