Taglio abusivo e furto di legname, otto denunce nel Vibonese

I responsabili operavano in un lotto boschivo regolarmente autorizzato ma erano alle dipendente di una ditta diversa da quella aggiudicataria

I responsabili operavano in un lotto boschivo regolarmente autorizzato ma erano alle dipendente di una ditta diversa da quella aggiudicataria

Informazione pubblicitaria

I carabinieri forestali della Stazione di Serra San Bruno, coadiuvati da personale del Gruppo Carabinieri Forestale di Vibo Valentia, all’atto di un sopralluogo di cantiere nel lotto boschivo di faggio di “Monte Famà” di Dasà, di proprietà del Comune e ricadente in zona Sic (Sito d’Interesse Comunitario), hanno accertato che ad operare il taglio, regolarmente autorizzato, non era la ditta aggiudicataria bensì una terza ditta non avente alcun titolo.

Tutti i presenti individuati sul posto dichiaravano, infatti, di lavorare alle dipendenze di altra ditta boschiva diversa da quella aggiudicataria dei lavori. Nel prosieguo del sopralluogo, inoltre, insospettiti dal fatto che in alcune aree il bosco si presentava molto rado, mediante l’utilizzo di sonde metalliche, i militari hanno potuto accertare che diverse piante erano state abbattute abusivamente.

Il taglio delle ceppaie, infatti, era stato effettuato al di sotto del livello del terreno e le stesse erano state occultate accuratamente con terriccio e fogliame. Il materiale legnoso ricavato era stato già trafugato. Appurato tutto ciò, considerato altresì che il subappalto non era contemplato negli atti di aggiudicazione del lotto boschivo in questione, i lavori di utilizzazione venivano immediatamente sospesi e si procedeva ad effettuare il sequestro di tutto il lotto, circa 22 ettari di superficie boscata.

Il proprietario dell’impresa boschiva appaltante e gli operai che stavano eseguendo i lavori sono stati, pertanto, segnalati alla Procura di Vibo Valentia. Dovranno rispondere per il taglio abusivo ed il furto delle piante, nonché per la violazione al vincolo paesaggistico-ambientale. Al vaglio degli inquirenti anche la posizione del tecnico progettista e direttore dei lavori.