Operazione Waterfront, indagato il marito di una consigliera comunale di Vibo

Nell’inchiesta finisce Walter Cosenza quale amministratore di una società di ingegneria, con lavori anche in città, di cui è socia pure la vicecapogruppo di Forza Italia a “palazzo Luigi Razza”
Nell’inchiesta finisce Walter Cosenza quale amministratore di una società di ingegneria, con lavori anche in città, di cui è socia pure la vicecapogruppo di Forza Italia a “palazzo Luigi Razza”
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Maria Carmonsina Corrado

C’è anche una consigliera comunale di Vibo Valentia fra i soci dellaAse Engeneering consulting srl”, impresa finita nell’inchiesta della Guardia di Finanza e della Procura di Reggio Calabria denominata “Waterfront”. Si tratta di Maria Carmonsina (Carmen) Corrado, attuale vice capo gruppo di Forza Italia nel Consiglio comunale di Vibo Valentia, eletta nel maggio dello scorso anno con 269 voti, ed anche presidente della seconda commissione consiliare (Urbanistica) di “palazzo Luigi Razza”. L’architetto Maria Carmonsina Corrado all’interno della Ase Engeneering consulting srl è uno dei sei soci attivi ed in particolare è la responsabile dell’area “Sicurezza e progettazione”.

Ad essere indagato nell’inchiesta “Waterfront” è il marito, l’ingegnere Walter Cosenza, 47anni, nativo di Luzzi (Cs), residente a Vibo Valentia. Nei suoi confronti vengono ipotizzati i reati di frode nelle pubbliche forniture, abuso d’ufficio e truffa quale legale rappresentante della “Ase Engeneering consulting srl”. L’appalto contestato è quello per i lavori di realizzazione del Centro polisportivo di Rosarno dove – secondo la Procura di Reggio Calabria, il gip e la Guardia di finanza – ci sarebbe stata una frode nell’adempimento degli obblighi contrattuali mediante condotte consistite nel non sovraintendere al regolare svolgimento del procedimento amministrativo ed alla regolare esecuzione dei lavori, non garantendo che gli stessi lavori venissero svolti a regola d’arte ed in maniera corrispondente al progetto esecutivo. La truffa fa riferimento all’utilizzazione di polizze a garanzia delle somme anticipate dall’ente pubblico del 20% in acconto emesse da intermediari non abilitati al rilascio di tali polizze. L’inchiesta “Waterfront” ha portato complessivamente a sequestri di beni ed aziende per 103 milioni di euro. Gli indagati sono in totale 63 (alcuni ritenuti vicini al potente clan Piromalli di Gioia Tauro), fra cui anche il deputato della Lega “Salvini premier”, Domenico Furgiuele.

La Ase Engeneering consulting srl – di cui è amministratore l’ingegnere Walter Cosenza, iscritto all’Ordine degli Ingegneri di Vibo – è una società di ingegneria che presta servizi di nuova generazione in diversi settori ed è nata nel 2008 dall’unione di un gruppo di tecnici, formato da ingegneri e architetti. Dal sito internet della stessa si apprende che ha due sedi: una a Vibo Valentia e l’altra a Verona. Fra gli ultimi lavori seguiti ci sono anche quelli del nuovo teatro di Vibo Valentia, del miglioramento sismico di palazzo Gagliardi/De Riso, la riqualificazione del piano terra di palazzo Gagliardi/De Riso, i lavori nell’insediamento rupestre “Sbariati” di Zungri, lavori di recupero ambientale a Vibo, il nuovo depuratore di Torre Ruggiero, i lavori al complesso monumentale del San Giovanni e via Carlo V a Catanzaro, il polo scolastico di Lavagno (Vr).

LEGGI ANCHE: ‘Ndrangheta, appalti truccati per favorire il clan Piromalli: i nomi degli arrestati

Informazione pubblicitaria

Appalti truccati: anche quattro vibonesi nell’inchiesta “Waterfront”