Armi e munizioni: arrestati due fratelli a Nicotera

I carabinieri nel corso di un servizio di controllo del territorio hanno scovato una carabina e delle munizioni in un casolare

I carabinieri nel corso di un servizio di controllo del territorio hanno scovato una carabina e delle munizioni in un casolare

Informazione pubblicitaria
Le armi e le munizioni rinvenute a Nicotera

Detenzione illegale di armi e munizioni. Con questa accusa i carabinieri di Nicotera, insieme ai colleghi di Nicotera Marina, Joppolo, Limbadi e con il supporto dei Carabinieri dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria, al termine di un servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto due fratelli. Si tratta di Domenico Cesare Bianco, 56 anni, e di Pietro Bianco, 57 anni, del luogo.

Al termine di una perquisizione, all’interno delle rispettive aziende agricole nel territorio comunale di Nicotera, precisamente in località “Mortelletto” nella frazione Marina, i militari dell’Arma hanno scoperto la presenza di un fucile calibro 9 con matricola abrasa perfettamente funzionante, circa 140 cartucce per fucile e per pistola di vario calibro, alcune vecchie uniformi delle forze di polizia e delle forze armate nonché attrezzatura per la produzione artigianale di cartucce.

Nel corso dell’attività, ai due fratelli venivano altresì sequestrate ulteriori 2 fucili e 2 pistole nonché 7 cartucce calibro 7.65 legalmente detenuti.

I Bianco sono stati quindi portati in carcere in attesa delle determinazioni della magistratura di Vibo Valentia.

LEGGI ANCHE:

Pistola e munizioni a casa sotto il cuscino, un arresto a Nicotera (NOME)