Violazione della sorveglianza, scarcerato a Vibo Mommo Macrì

E’ stato sorpreso ieri a Pizzo dai carabinieri in compagnia di un pregiudicato. Avrebbe anche fornito delle false generalità

E’ stato sorpreso ieri a Pizzo dai carabinieri in compagnia di un pregiudicato. Avrebbe anche fornito delle false generalità

Informazione pubblicitaria

Il giudice del Tribunale di Vibo Valentia, Pia Sordetti, ha convalidato l’arresto di Domenico Macrì, 33 anni, detto “Mommo”, di Vibo Valentia, sorpreso dai militari dell’Arma in compagnia di una persona con precedenti penali ed alla quale – in forza del suo status di sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno, non avrebbe dovuto accompagnarsi. Macrì avrebbe inoltre fornito ai carabinieri delle false generalità. Dopo la convalida della detenzione domiciliare, l’avvocato Francesco Sabatino ha quindi chiesto un termine a difesa e, non sussistendo più esigenze cautelari, l’ha scarcerato. Il processo è stato rinviato al 19 giugno del prossimo anno.

 Il 33enne è stato condannato nel 2013 in via definitiva a 6 anni di reclusione per associazione mafiosa al termine dell’operazione “Goodfellas”. In particolare, è stato ritenuto organico al clan Lo Bianco e vicino ad Andrea Mantella.

Violazione della sorveglianza, arrestato a Pizzo Mommo Macrì