Nutraceutica, a Vibo il focus sulle nuove frontiere dell’alimentazione

Le proprietà curative di alimenti quali il bergamotto, la cipolla, gli agrumi e il goji sono stati al centro dell’evento promosso da vari soggetti tra cui Rotary e Lions

Le proprietà curative di alimenti quali il bergamotto, la cipolla, gli agrumi e il goji sono stati al centro dell’evento promosso da vari soggetti tra cui Rotary e Lions

Informazione pubblicitaria
L'evento dedicato alla Nutraceutica a Vibo
Informazione pubblicitaria

Pomeriggio di benessere con quelli che sono stati definiti “calabriaceutici” (nutraceutici calabresi). A Vibo Valentia, nella sala Murmura della Camera di commercio, nel corso dell’evento “Nutraceutica nel nuovo millennio: nuove prospettive sul territorio calabrese”, si è parlato di bergamotto, cipolla, liquirizia, agrumi, olive, uva, peperoncino e goji. «Eh si perché – come è stato ribadito da Stefania La Badessa, farmacista e divulgatrice scientifica – le bacche di Goji non sono solo cinesi ma possono, anzi devono per mantenere le loro proprietà curative, essere italiane e bio, preferibilmente fresche di stagione». A moderare l’iniziativa è stato il presidente in carica del Lions Club di Vibo, Carlo Talarico, insieme a Sonia Lampasi, presidente del Rotary Club di Vibo. Tra i relatori della serata, Danilo Cafaro che ha esposto le nuove prospettive per l’uso del bergamotto, e Maria Stefania Sinicropi, docente dell’Unical di Cosenza. L’appuntamento ha inteso dare una corretta informazione intorno alla disciplina della Nutraceutica, attraverso la voce di tanti esperti del settore, dai medici che se ne occupano con grandi risultati agli imprenditori locali che coltivano i prodotti utilizzati. «Se “siamo quello che mangiamo”, come affermava Feuerbach – hanno sostenuto i promotori -, l’alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non sappiamo quello che mangiamo, e la qualità del nostro vivere ne risente, con gravi conseguenze per l’organismo. I “nutraceutici” sono oggi una realtà medico-scientifica in costante espansione, sia per quanto riguarda il numero e l’accuratezza degli studi scientifici che per la diffusione di prodotti specifici. Il termine “nutraceutica” nasce dalla fusione dei termini “nutrizione” e “farmaceutica”, per indicare la disciplina che indaga tutti i componenti o i principi attivi degli alimenti con effetti positivi per la salute, la prevenzione e il trattamento delle malattie». LEGGI ANCHECurarsi mangiando, le prospettive calabresi della Nutraceutica

Informazione pubblicitaria