Kant e l’astronomia tra i temi della Summer School al liceo di Serra San Bruno

Ricco programma con interventi di docenti dell’Unical nella terza edizione della manifestazione culturale organizzata dall’istituto diretto da Antonino Ceravolo

Ricco programma con interventi di docenti dell’Unical nella terza edizione della manifestazione culturale organizzata dall’istituto diretto da Antonino Ceravolo

Informazione pubblicitaria
Il dirigente Antonino Ceravolo
Informazione pubblicitaria

Sarà il professor Luca Lupo dell’Università della Calabria, con una relazione dedicata all’uso del tempo nelle Scuole etiche antiche e dell’età contemporanea, a inaugurare, lunedì 3 giugno alle ore 9, la III edizione della Summer School mediante la quale il Liceo Scientifico dell’Istituto “Einaudi” di Serra San Bruno guidato dal dirigente Antonino Ceravolo vuole promuovere un modo nuovo di accostarsi ai saperi. L’obiettivo è quello di proporre un modo di fare e di essere scuola che, attraverso una serie di esperienze altamente formative e lungi dal veicolare una conoscenza nozionistica avulsa dalla realtà, sappia essere occasione per la formazione di coscienze criticamente orientate verso il mondo e la storia. Inserito nei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento e curato dai docenti Danilo Greco e Francesco Nicolino, il progetto Summer School punta non solo al sapere e al saper fare, ma si propone di valorizzare il saper essere degli allievi in un’esperienza culturale completa. 

Informazione pubblicitaria

Il tema della Summer School 2019 è ispirato al celebre aforisma kantiano “Il cielo stellato sopra di me e la legge morale dentro di me”, che sollecita una riflessione sulla posizione che l’uomo, con la sua finitudine, occupa nel mondo sensibile «in connessione all’infinitamente grande, con mondi sopra mondi e sistemi di sistemi». A provare a rispondere agli interrogativi sollevati gli allievi saranno guidati, sino al 7 giugno, oltre che dall’intervento inaugurale del professor Lupo anche dalle relazioni dei professori Romeo Bufalo e Anna D’Atri, docenti dell’Unical, rispettivamente dedicate ad Arte, tecnica e vita nel mondo moderno e contemporaneo e a Vita e artificio: il rapporto etica e tecnica nell’era digitale. Le giornate della Summer School saranno ulteriormente impreziosite dalle osservazioni astronomiche, svolte sotto la guida della professoressa Melania Borzumati della “Società astronomica italiana – Sezione Calabria”, e dalla esposizione dei lavori pittorici eseguiti per l’occasione dagli alunni della 4°A del Liceo Scientifico. Di particolare rilievo gli enti che, a riconoscimento della sua qualità, hanno dato il loro patrocinio gratuito all’evento, come il Comune di Serra San Bruno, la Società filosofica italiana dell’Unical, il Sistema bibliotecario vibonese, il planetario di Reggio Calabria.