lunedì,Febbraio 6 2023

Anche Rombiolo è “Città che legge”: nel Vibonese solo due i comuni premiati

In tutta la Calabria sono stati in ventitré ad ottenere il riconoscimento del Centro per il Libro e la Lettura del Mibact

Anche Rombiolo è “Città che legge”: nel Vibonese solo due i comuni premiati

Non solo Vibo Valentia, anche Rombiolo per il secondo biennio consecutivo si conferma “Città che Legge”, nell’ambito del progetto promosso dal Centro per il Libro e la Lettura (Cepell) del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, in collaborazione con l’Anci. Rombiolo compare dunque tra i 718 comuni italiani che possono avvalersi della qualifica “Città che Legge” per il biennio 2022/2023. Rombiolo e Vibo Valentia sono gli unici due comuni della provincia ad aver ottenuto questa riconoscimento, mentre in Calabria ad aver raggiunto tale traguardo sono stati in totale 23.
Il Cepell promuove e valorizza con la qualifica di “Città che Legge” le amministrazioni comunali che si impegnano e sostengono in maniera continuativa politiche pubbliche di promozione della lettura sul proprio territorio. I Comuni che ottengono tale riconoscimento avranno la possibilità di partecipare ai bandi che il Cepell pubblicherà, destinati al sostegno di crescita delle iniziative locali di promozione e diffusione della lettura, come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva soprattutto dei più piccoli.

LEGGI ANCHE: Il Comune di Vibo premiato ancora una volta con la qualifica di “Città che legge”

Rombiolo, il pm antimafia Frustaci ai ragazzi: «Voi siete le vostre scelte» – Video

Articoli correlati

top