sabato,Luglio 20 2024

Arte e tradizioni, l’associazione “Le tarme” mette radici nel Vibonese e inaugura la casa museo

Il sodalizio, promotore di iniziative di successo come il Festival degli artisti di strada, presenta la sede sita a Brattirò. Ospiterà una biblioteca e una mostra di opere realizzate da Giuseppe Pugliese, contadino artista

Arte e tradizioni, l’associazione “Le tarme” mette radici nel Vibonese e inaugura la casa museo

Uno spazio dedicato al benessere di grandi e piccini. Un luogo “aperto” al confronto, alla crescita individuale e collettiva dove seguire laboratori e corsi di musica, intraprendere percorsi culturali e nell’arte. Tutto pronto per l’inaugurazione della sede che ospiterà l’associazione “Le tarme”, nata su impulso di Annamaria Pugliese e sostenuta da un nutrito gruppo di volontari.

La locandina dell’associazione Le tarme

Il sodalizio aprirà ufficialmente i battenti a Brattirò ad inizio febbraio. Il fulcro da cui partiranno le attività é un’antica abitazione, una vera e propria “casa museo”: «Si tratta-spiega la presidente Pugliese- della casa appartenuta a mio nonno, Giuseppe Pugliese. Era un contadino artista la cui vita è stata scandita da gravi perdite. Ai tempi della guerra, fu rinchiuso nei campi di concentramento. In più perse la moglie prematuramente. Avvenimenti devastanti che lo segnarono profondamente. Nonostante ciò, riusciva a trasmettere messaggi positivi attraverso l’arte che divenne la sua “terapia”». Basti pensare che realizzò decine e decine di sculture: «Ne ha lasciate circa 75, la maggior parte in legno di ulivo. Alcune sono in pietra». [Continua in basso]

I laboratori dell’associazione “Le tarme”

Lo scopo é creare un allestimento permanere. Ad arricchire gli ambienti, ci sarà anche una biblioteca: «Gli ingredienti del nostro progetto sono semplici: arte, tradizioni, colore e condivisione. Aspetti che abbiamo curato fin dai primi passi sul territorio.

Yoga a cura dell’associazione Le tarme

Le iniziative concretizzate fino a questo momento – tra cui il presepe vivente e il festival degli artisti di strada – hanno attirato la partecipazione della comunità, e stimolato l’interesse e la curiosità dei giovanissimi, delle famiglie», rimarca Pugliese. Per i bimbi si prevedono: laboratori di piccolo circo, teatro, musica, arte in natura, tessitura. Per adulti: yoga, coro (canti dal mondo, suono-terapia, danze del Sud, lezioni di acquerello, chitarra: «Stiamo pensando anche ad attività all’aperto per la promozione del territorio, percorsi trekking, raccolta e valorizzazione delle erbe spontanee. Insomma tantissime iniziative in cantiere che, siamo certi, accoglieranno il consenso dell’utenza», chiosa la presidente.

Iniziativa dell’associazione Le tarme durante il periodo estivo

LEGGI ANCHE: Limbadi: spettacoli, giochi, musica e poesie chiudono il mese del fanciullo

Francavilla Angitola, viaggio tra storia e fede lungo la via dei conventi

Articoli correlati

top