Moto, la Calabria protagonista delle due ruote con il trofeo delle regioni

A Pizzo l’evento clou di un giro che toccherà tutte le province al fine di promuovere il territorio e l'offerta turistica 

A Pizzo l’evento clou di un giro che toccherà tutte le province al fine di promuovere il territorio e l'offerta turistica 

Informazione pubblicitaria

Una manifestazione promossa dalla commissione turistica e sviluppo della Federmoto, nata dalla volontà di creare un’offerta turistica di alto profilo, un modo nuovo per visitare l’Italia promuovendone il territorio ed allo stesso tempo favorendo l’associazionismo. Il trofeo delle regioni unisce i club motociclistici di tutta Italia. Una grande occasione di condivisione che dal 27 al 29 settembre farà tappa nella nostra regione che diventerà la capitale delle due ruote.

Informazione pubblicitaria

In Calabria la seconda edizione. Dopo la vittoria ottenuta dalla Calabria lo scorso anno in occasione del primo trofeo in Umbria, non solo come gruppo più numeroso ma anche per l’organizzazione dello stand gastronomico più bello, spetta proprio al gruppo calabrese il compito di organizzare questa seconda importante manifestazione nazionale, con il patrocinio della Regione Calabria. «Per il TDR 2019 Calabria stiamo lavorando da circa un anno – affermano gli organizzatori- . Abbiamo pensato ad un grande evento durante il quale i rappresentanti delle varie regioni verranno suddivisi in circa dieci gruppi che andranno a visitare monumenti e luoghi storici toccando le cinque provincie dell’ intera regione. Molte saranno le zone marine dallo Ionio al Tirreno: da Le Castella a Fiume Freddo Bruzio, da Scilla a Corigliano Rossano, da Roccelletta di Borgia ad Amantea. E molte altre saranno le tappe in zone di montagna passando in poco tempo dalle cristalline tonalità del blu del nostro mare al verde dei promontori della Sila ed all’incontaminato paesaggio di Pizzo o delle Serre calabresi».

A Pizzo l’evento clou. Non solo tanto da vedere dunque ma anche tanto da degustare e molte tradizioni da scoprire: «Dalla ‘nduja ai funghi, dal formaggio del Vibonese o del Crotonese degustato con il miele di Amaroni alla cipolla rossa di Tropea, dalla soppressata alle patate della Sila, dalla sardella al pane di castagno, dal bergamotto al peperoncino, dall’ olio al vino, dai dolci tipici alla liquirizia. Il tutto tra balli e vestiti tipici». Tutto questo e tanto altro sarà dunque presentato agli appassionati delle due ruote che giungeranno in Calabria per un evento che avrà come fulcro la piazza di Pizzo Calabro dove ogni regione sarà presente con un proprio stand. «Insieme alla federazione nazionale motociclistica italiana abbiamo individuato il suggestivo centro del vibonese – fanno sapere gli organizzatori – e dopo aver sottoposto il progetto al sindaco Gianluca Callipo ci ha dimostrato subito grande disponibilità per un evento che coniuga arte, cultura e passione per le due ruote».