A Tropea convegno sul nuovo rapporto tra libertà e rispetto delle regole

Principale relatore del seminario il professore Nunzio Raimondi. Iniziativa promossa dall'associazione socio-culturale Anthropos

Principale relatore del seminario il professore Nunzio Raimondi. Iniziativa promossa dall'associazione socio-culturale Anthropos

Informazione pubblicitaria
L'avvocato Nunzio Raimondi
Informazione pubblicitaria

La chiesa di Santa Chiara a Tropea ha fatto da cornice ad un seminario formativo, organizzato dall’associazione socio-culturale Anthropos, presieduta dall’avvocato Ottavio Scrugli, sul tema: “Il valore della responsabilità e la libertà di stampa ex articolo 21 della Costituzione italiana”.

Informazione pubblicitaria

Dopo una breve introduzione del presidente Scrugli, ha preso la parola l’avvocato Nunzio Raimondi, del Foro di Catanzaro.

Il relatore che è, tra l’altro, anche docente di diritto penale nella Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali – e titolare di altri insegnamenti penalistici in Master dell’Università “Magna Graecia” di Catanzaro, ha introdotto il tema assegnatogli tratteggiando il rapporto esistente fra il principio di responsabilità ed il valore della libertà d stampa nella Costituzione.

Dopo aver analizzato il tema specifico della libertà di stampa nella Costituzione italiana, Raimondi ha affermato «come vada ripensato a fondo il rapporto tra libertà e regole, perché, se è vero che non esiste libertà senza regole, è altresì vero che le regole non sono qualcosa di esterno con cui si regola la libertà, ma sono la libertà stessa realizzata con gli altri mezzi delle regole, essendo le regole della stessa natura della libertà e decisive di ciò che essa è».

E’ seguita una disamina delle fonti internazionali di tutela della libertà di stampa ed in primis della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali.

L’ultima parte della lectio del professor Raimondi ha riguardato particolari profili della cosiddetta diffamazione mediatica.

Dopo l’esame delle diverse forme di lesione della reputazione attraverso internet, blog, siti web e social network, il relatore ha offerto delle chiavi di lettura innovative della disciplina attuale svolgendo anche considerazioni de jure condendo.

A seguito dell’apertura di un ampio dibattito, Raimondi ha risposto a molte domande provenienti dai corsisti, le quali hanno anche spaziato su temi di stringente attualità.