Cent’anni di storia cittadina in una mostra fotografica, a Palazzo Gagliardi apre “Vibo in scena”

L’iniziativa è promossa dall’amministrazione comunale, in collaborazione con le associazioni “Civitas” e “Uilt Calabria” e con la direzione artistica della Fondazione “Archivio storico fotografico della Calabria”

L’iniziativa è promossa dall’amministrazione comunale, in collaborazione con le associazioni “Civitas” e “Uilt Calabria” e con la direzione artistica della Fondazione “Archivio storico fotografico della Calabria”

Informazione pubblicitaria
La locandina dell'evento
Informazione pubblicitaria

Il prossimo giovedì 8 febbraio, alle 17.30, a Palazzo Gagliardi a Vibo, verrà inaugurata e presentata alla stampa “Vibo in scena” una mostra fotografica che racconterà i cento anni di storia vibonese dal 1870 al 1970, come «mezzo di rappresentazione di un territorio in continuo movimento, polifonia di narrazioni e tensioni».

Informazione pubblicitaria

L’iniziativa, presentata in questi termini dall’amministrazione comunale di Vibo Valentia, è finanziata con i fondi del Piano di azione e coesione (Pac) 2014-2020, obiettivo specifico 6.7, è stata progettata dal Comune in partnership con le associazioni “Civitas” e “Uilt Calabria”, con la direzione artistica della Fondazione “Archivio Storico Fotografico della Calabria”.

«A intensificare il messaggio che le immagini ritratte narreranno – spiega l’Amministrazione -, faranno eco due performance teatrali: “Nel giardino di Persefone. Miti e leggende di Monteleone” e “Anima allegra. Dora Menichelli, attrice di Monteleone Calabro”. Durante la presentazione alla stampa saranno inoltre comunicate le date di altri eventi».

A dare il via all’evento il sindaco di Vibo Valentia, Elio Costa. Alla giornata inaugurale interverranno inoltre Raimondo Bellantoni, vicesindaco e assessore alla Cultura; Silvia Lara Riga, assessore alle Politiche giovanili e innovazione; Elia Panzarella, presidente Fondazione “Archivio Storico Fotografico della Calabria”; Raniero Pacetti, presidente Associazione culturale “Civitas”, Luigi Capolupo, presidente Associazione culturale teatrale “Unione italiana libero teatro Calabria”.

L’iniziativa, è spiegato, «si rivolge ad un ampio target di beneficiari, con un’attenzione particolare ai giovani al fine di svolgere un’importante azione sociale ed educativa. Verranno, infatti, coinvolte le istituzioni scolastiche e verranno realizzate visite guidate. Le immagini storiche esposte sono state eseguite da veri maestri dell’arte fotografica e tutte con un’incredibile capacità evocativa: “vere e proprie metafore visive che ci permettono di esplorare geografie reali e immaginarie”. “Vibo in scena” nasce con lo scopo di creare un dialogo tra vecchia e nuova generazione e intende anche indicare nuovi percorsi di turismo culturale».

Non a caso, «la scelta della location si è rivolta su Palazzo Gagliardi per la sua importanza dal punto di vista storico e strategico, poiché si trova in pieno centro cittadino e risulta la struttura più adeguata ad accogliere un evento di tale portata per le sue ampie sale che garantiscono un fascino e un’atmosfera suggestiva. Anche in questa occasione, con “Vibo in scena”, si intenderà rendere omaggio alla storia di un edificio e di una città, capace di aprirsi e di farsi conoscere anche oltre i confini regionali. La narrazione storica del percorso fotografico punterà a coinvolgere tutti per dare modo a ciascuno di identificarsi con quelle radici che spesso ritroviamo nei racconti dei nonni e che ci appartengono come tratti identificativi di un popolo che ancora ha molto da dire, senza timore di integrarsi nella globalità del quotidiano e mischiandosi ad altre culture per conoscere e farsi conoscere».