martedì,Giugno 18 2024

Aziende vitivinicole calabresi, in arrivo dalla Regione fondi per oltre 1 milione e 300mila euro

Approvati 41 progetti. L’assessore regionale Gallo: «Valorizziamo la tipicità dei prodotti legati al territorio»

Aziende vitivinicole calabresi, in arrivo dalla Regione fondi per oltre 1 milione e 300mila euro

Risorse per oltre un milione e 300mila euro sono in arrivo per i vitivinicultori calabresi. Si tratta di fondi destinati al sostegno di nuovi investimenti. È stata definita la graduatoria delle domande di sostegno legate alla misura “Investimenti”, con l’obiettivo di finanziare investimenti materiali e immateriali in impianti di trasformazione, in infrastrutture vinicole e nella commercializzazione del vino. Nello specifico, ad esito del lavoro di istruttoria della commissione nominata dal Dipartimento Agricoltura, sono stati ammessi a finanziamento 41 progetti per la campagna 2022/2023, per un controvalore nel complesso pari a circa 1.365.000 euro, un terzo dei quali da finanziare attraverso la rimodulazione dei fondi non utilizzati per altre misure. [Continua in basso]

«Come Vinitaly 2023 ha dimostrato – dice l’assessore regionale all’agricoltura, Gianluca Gallo – nel panorama vitivinicolo italiano è tra le regioni caratterizzate da alta qualità e buone capacità di espansione anche sui mercati. Da qui la scelta di sostenere investimenti idonei a promuovere lo sviluppo e l’ammodernamento delle aziende e la qualità delle nostre produzioni, valorizzando la tipicità dei prodotti legati al territorio ed ai vitigni tradizionali di maggior pregio enologico o commerciale». Aggiunge Gallo: «Si punta così a fare in modo che le aziende calabresi possano migliorarsi ulteriormente in fatto di competitività e capacità di creare valore aggiunto, in un mercato fortemente concorrenziale».

Saranno oggetto di sostegno gli interventi diretti a migliorare il rendimento globale dell’impresa e il suo adeguamento alle richieste di mercato e ad aumentarne la competitività, con particolare riferimento alla produzione e commercializzazione dei prodotti vitivinicoli, anche al fine di accrescere i risparmi energetici, l’efficienza energetica globale nonché l’incidenza di trattamenti sostenibili.

LEGGI ANCHE: Il peso del caro energia sulla sanità, all’Asp di Vibo aumenti del 124%: i più alti in Calabria

top