Il Gal Terre vibonesi finanzia 14 start-up, pubblicata la graduatoria

Distribuiti oltre 300mila euro che andranno a beneficio di progetti che puntano su servizi per il turismo ed alla persona, l’artigianato, la bioedilizia e la green economy
Distribuiti oltre 300mila euro che andranno a beneficio di progetti che puntano su servizi per il turismo ed alla persona, l’artigianato, la bioedilizia e la green economy
Informazione pubblicitaria
Vitaliano Papillo (Gal)
Vitaliano Papillo
Informazione pubblicitaria

È online sul sito del Gal “Terre Vibonesi” la graduatoria definitiva della misura di  sostegno all’avviamento di start-up innovative non agricole nelle aree rurali, messa a bando nei mesi scorsi dall’agenzia di sviluppo presieduta da Vitaliano Papillo. «Si tratta – si legge in una nota – di un risultato raggiunto in tempi record che vede il nostro Gal tra i primi nella regione a mettere a frutto concretamente la propria instancabile attività di promozione del territorio e supporto all’imprenditoria. Con la misura in questione si andranno a sostenere i primi 12 beneficiari in lista, le cui idee sono immediatamente finanziabili con 25mila euro ciascuna».

In elenco, tra quelle ammesse, ci sono altre due istanze che rientreranno a scorrimento di graduatoria e saranno finanziate successivamente con delle economie recuperate da altre misure. «Si concretizza un grandissimo risultato – sottolinea il presidente Papillo – che ci riempie di orgoglio perché testimonia il senso di appartenenza e l’amore per questo nostro territorio ed è frutto del duro, convinto, tenace e competente lavoro di una squadra che in questi mesi non ha conosciuto riposo pur di raggiungere questo obiettivo, il quale ci vede ancora una volta tra i primi Gal in Calabria a portare a termine la propria missione votata allo sviluppo».

E ancora: «interessanti e innovative le idee presentate, che si dislocano nell’intera provincia, dalla montagna al mare, passando per l’entroterra, e spaziano in diversi ambiti, andando ad incrementare i servizi per il turismo ed alla persona, l’artigianato, la bioedilizia e la green economy, solo per fare qualche esempio. Il prossimo passo sarà la predisposizione dei decreti di concessione, che saranno preparati a giorni ed inviati ai rispettivi beneficiari. L’anno, quindi, si apre sotto i migliori auspici, e siamo certi che proseguirà senza sosta sulla strada finora percorsa».

Informazione pubblicitaria