Centro accoglienza di Nicotera, sit-in di protesta in Prefettura

Gli operatori, affiancati dal sindacato Fisascat Cisl, lamentano il continuo trasferimento degli ospiti che non permetterebbe alla struttura di mantenere i livelli occupazionali
Gli operatori, affiancati dal sindacato Fisascat Cisl, lamentano il continuo trasferimento degli ospiti che non permetterebbe alla struttura di mantenere i livelli occupazionali
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

La Fisascat Cisl, a seguito del trasferimento degli ospiti della struttura del Centro accoglienza di Nicotera, gestito dall’Associazione culturale Acuarinto, comunica che giorno domani, giovedì 13 febbraio, dalle ore 9.30, terrà un sit-in di protesta davanti alla Prefettura di Vibo Valentia. «Il continuo trasferimento degli ospiti – scrive l’organizzazione sindacale – non permette alla struttura di mantenere i livelli occupazionali del Centro accoglienza con la conseguente paventata ipotesi di chiusura dello stesso. Il sit-in di protesta degli operatori si rende purtroppo necessario – spiega ancora il sindacato – per sensibilizzare la comunità sul problema; le motivazioni sono rappresentate infatti dallo stato di sofferenza e di profondo disagio dei lavoratori e delle loro famiglie, oltre che dagli ospiti che saranno trasferiti in altre strutture venendo meno quel processo d’integrazione e assistenza messo in atto con professionalità dagli operatori e dall’intera comunità di Nicotera».

Informazione pubblicitaria