Regionali, De Nisi completa la svolta a destra: verso la lista Fitto-Meloni

L’ex presidente della Provincia, un tempo bandiera del Pd vibonese, lavora per una candidatura in Fratelli d’Italia

L’ex presidente della Provincia, un tempo bandiera del Pd vibonese, lavora per una candidatura in Fratelli d’Italia

Informazione pubblicitaria
Francesco De Nisi
Francesco De Nisi
Informazione pubblicitaria

Partendo dall’assunto che il tempo delle ideologie è finito, e tenendo presente che questo concetto è diventato un alibi, anche abbastanza usurato, per mascherare trasformismi e poltronismi, nel Vibonese la politica continua a lavorare per l’appuntamento clou del 2019, le elezioni regionali. In questa ottica si inserisce anche un’indiscrezione molto accreditata che potrebbe far storcere il naso a più di uno. E riguarda l’ex presidente della Provincia di Vibo Valentia, Francesco De Nisi

Informazione pubblicitaria

Già sindaco di Filadelfia per un decennio e a capo di Palazzo Ex Enel per quattro anni, De Nisi è stato una figura di primo piano del Partito democratico di Vibo, col quale si era candidato anche alle elezioni regionali del 2014 che lo videro primo dei non eletti con 8.779 preferenze, dietro a Michele Mirabello che ne aveva ottenute 9.883. Ebbene, oggi De Nisi si starebbe “giocando” una candidatura con un partito che proprio di quell’area non è, ovvero Fratelli d’Italia. Una virata da sinistra a destra che per la verità, per quanto riguarda l’ex presidente della Provincia, non è che sia stata repentina, anzi. Lontano dal Pd da quasi tre anni, alle scorse politiche si era avvicinato a Giuseppe Mangialavori, che poi sarebbe diventato senatore, traghettando i suoi voti proprio sul leader azzurro e su Wanda Ferro, quest’ultima, pure lei divenuta parlamentare, punto di riferimento di Fratelli d’Italia nel Vibonese. De Nisi, che l’ultimo dei pivelli non è, nel 2018 aveva intessuto buoni rapporti con la Ferro, conditi da un notevole pacchetto di voti pescati principalmente nella sua roccaforte, ma soprattutto aveva aperto un canale con la componente che fa capo all’europarlamentare Raffaele Fitto, che gli ha permesso di avere quelle entrature sufficienti ad accreditarsi come uno dei molto probabili candidati in corsa per una poltrona di consigliere regionale. Il movimento dell’ex presidente della Puglia, Direzione Italia, che raggruppa quella componente moderata, centrista e dei fuoriusciti da Forza Italia, si è infatti federato col partito della Meloni in vista delle europee. E proprio in queste dinamiche si inserisce la posizione di De Nisi. In ogni caso, tutto il discorso resta subordinato all’appuntamento del 26 maggio ed anche alle amministrative di primavera alla luce delle quali si vedrà il peso degli aspiranti e la loro capacità di aggregare.