A Vibo Marina si rivede l’asfalto, il sindaco Limardo: «Lavoriamo senza sosta». Ma Costa la “gela”

A smorzare il suo entusiasmo arriva il commento caustico dell’ex primo cittadino: «L’intervento è frutto del nostro lavoro: i fondi sono quelli recuperati e già stanziati dalla mia Giunta»

A smorzare il suo entusiasmo arriva il commento caustico dell’ex primo cittadino: «L’intervento è frutto del nostro lavoro: i fondi sono quelli recuperati e già stanziati dalla mia Giunta»

Via Parodi riasfaltata
Informazione pubblicitaria

«Decoro, pulizia e bellezza sono le nostre parole d’ordine. Instancabili, ostinati e attenti, stiamo lavoriamo senza sosta all’operazione decoro e cambiamento della nostra città fortemente voluta dalla nuova Amministrazione sin dal primo istante in cui si è insediata. Grazie al lavoro degli assessori Vincenzo Bruni e Giovanni Russo stiamo restituendo ai cittadini la fruibilità di diversi quartieri di Vibo e delle frazioni». Usa toni trionfalistici il sindaco di Vibo Maria Limardo, nell’annunciare l’esecuzione dei lavori di bitumazione stradale che interessano in queste ore alcune vie di Vibo Marina, aggiungendo «la nostra attenzione in questa settimana è stata posta non solo ai marciapiedi e alle strade ma anche i meravigliosi parchi, che stanno riacquistando la loro originaria bellezza. E in questi giorni, rimarca, abbiamo dato il via anche all’asfalto di alcune strade di Vibo Marina, che da tempo si presentavano in condizioni non ideali».

Informazione pubblicitaria

Sul punto vi è da registrare, tuttavia, anche la caustica presa di posizione dell’ex sindaco Elio Costa il quale, in un post affidato alla sua pagina Facebook, ha affermato: «Vedo con piacere che a Vibo Marina sono iniziati i lavori di bitumazione delle strade. Vorrei solo far sapere a tutti i miei concittadini che i soldi oggi utilizzati sono quelli recuperati e già stanziati per tale iniziativa da me e dalla mia Giunta. Fondi di spettanza comunale, per circa 180.000 euro – ha detto -, che prima del nostro intervento giacevano caduti nel dimenticatoio alla Provincia».