mercoledì,Agosto 10 2022

Piano rifiuti ed ecodistretto di Vibo: il Pd chiede conto alla Regione sui 42 milioni stanziati

Il segretario provinciale Di Bartolo spiega che la pratica ad oggi è sospesa negli uffici di Invitalia in attesa che la Regione Calabria si determini definitivamente sulla pianificazione relativa agli impianti

Piano rifiuti ed ecodistretto di Vibo: il Pd chiede conto alla Regione sui 42 milioni stanziati
Giovanni Di Bartolo

È stato discusso nell’ultima seduta del Consiglio regionale il provvedimento sul capitolo dedicato agli impianti previsti nel Piano regionale di gestione dei rifiuti. Attendiamo il risultato del lavoro del Dipartimento Ambiente e Territorio – come ha puntualmente approfondito nel suo intervento il consigliere regionale Ernesto Alecci – impegnato nella stesura del nuovo Piano, per capire quale sarà la visione complessiva del sistema di raccolta e gestione nei prossimi anni”. E’ quanto dichiara il segretario provinciale del Pd vibonese, Giovanni Di Bartolo, per il quale “rimane ulteriormente da chiarire, ad esempio, quale sarà il destino dell’ecodistretto di Vibo Valentia e dei 42 milioni di euro stanziati per realizzarlo. Infatti, dopo tre anni di discussione, l’ambito territoriale vibonese aveva dato avvio alla progettazione dell’impianto per il recupero dei rifiuti urbani, il compostaggio e la produzione di biometano. Oggi la pratica si trova nuovamente sospesa presso gli uffici di Invitalia, in attesa che la Regione Calabria si determini definitivamente sulla pianificazione relativa agli impianti. Quello dei rifiuti è uno dei settori sui quali nei prossimi mesi si misurerà l’efficacia della proposta politica e la capacità di adeguare la programmazione alle nuove esigenze dei Comuni. È intenzione del Partito Democratico continuare a seguire questo tema che interessa direttamente la qualità della vita dei cittadini e il modello di sviluppo proposto al territorio.

Ringrazio i consiglieri regionali del Partito Democratico – Ernesto Alecci e Raffaele Mammoliti – per la disponibilità mostrata nel trasferire con la giusta attenzione le istanze provenienti dagli amministratori e dalle comunità locali. Le politiche per l’ambiente, gli obiettivi di economia circolare e sviluppo sostenibile, rappresentano una priorità nell’agenda del Partito Democratico”.

top