giovedì,Giugno 13 2024

Il Comune di Maierato apre le porte agli studenti del Capialbi

Sulla base di un progetto di alternanza scuola-lavoro, gli studenti del liceo vibonese avranno la possibilità di apprendere competenze in materia di pubblica amministrazione spendibili nel mercato del lavoro. La soddisfazione del sindaco Sergio Rizzo: «Lavoriamo per il futuro».

Il Comune di Maierato apre le porte agli studenti del Capialbi

Una convenzione per l’alternanza scuola-lavoro è stata sottoscritta dal Comune di Maierato e dal liceo statale “Vito Capialbi” di Vibo Valentia, nell’ambito del progetto “Apprendo lavorando”. L’obiettivo perseguito dalla due istituzioni è quello di favorire l’attivazione di progetti che consentano agli studenti del liceo vibonese di svolgere un periodo di alternanza scuola-lavoro negli uffici comunali di Maierato e attraverso modalità che assicurino l’acquisizione di conoscenze di base, nonché il conseguimento di competenze spendibili nel mercato del lavoro.

I progetti formativi, strutturati in tre anni, si articoleranno alternando periodi di formazione in aula con esperienze di apprendimento in situazione lavorativa, coerenti ed in piena sintonia con gli obiettivi del curriculum formativo del percorso di studi al quale l’allievo è iscritto. Le attività di insegnamento saranno progettate di comune intesa tra istituzione scolastica e lavorativa e prevedono la certificazione delle competenze. Saranno previste misure di accompagnamento con particolare riferimento agli interventi di accoglienza, orientamento e monitoraggio. Per particolari categorie di destinatari (disabili, Bes, stranieri, ecc.) saranno garantiti sostegno, forme specifiche di tutoraggio, facilitazioni nell’inserimento del contesto sociale e lavorativo.

«Con l’approvazione della convenzione tra il liceo “Capialbi” e il Comune di Maierato – ha affermato il primo cittadino Sergio Rizzo – si realizza concretamente un’importante apertura dell’istituzione pubblica al mondo della scuola, non solo in termini didattici ma anche e soprattutto ponendo le basi della costruzione di un bagaglio di conoscenze che gli studenti potranno spendere in futuro sul piano lavorativo. Poter accogliere nelle nostre strutture, a titolo gratuito e per tre anni, giovani studenti desiderosi di apprendere e conoscere da vicino i processi amministrativi che regolano la vita di un Ente pubblico, è per me motivo di particolare soddisfazione e rappresenta, a mio avviso, uno dei migliori investimenti nel futuro che il nostro Comune possa fare».

top