Vibo Unica fa “campagna acquisti” ma l’assessore è all’oscuro di tutto

I consiglieri Mercadante e Lo Bianco passano al gruppo del presidente Luciano e il delegato al Commercio Nico Console resta da solo (a sua insaputa) a portare la bandiera di Alleanza per Vibo. Il tutto mentre si avvicina l’annunciata verifica di Giunta

I consiglieri Mercadante e Lo Bianco passano al gruppo del presidente Luciano e il delegato al Commercio Nico Console resta da solo (a sua insaputa) a portare la bandiera di Alleanza per Vibo. Il tutto mentre si avvicina l’annunciata verifica di Giunta

Informazione pubblicitaria
Il gruppo con i nuovi aderenti
Informazione pubblicitaria

Due consiglieri comunali, Samantha Mercadante e Alfredo Lo Bianco, sono passati da Alleanza per Vibo a Vibo Unica, lasciando da “solo” l’assessore al Commercio e alle attività produttive Nico Console. Una sfiducia tra le righe? Se si tiene in considerazione il fatto che Console (da sua ammissione) non sapeva nulla della conferenza stampa tenutasi ieri mattina, sembrerebbe proprio di si.

Informazione pubblicitaria

Sentito a margine dell’incontro di Palazzo Razza, infatti, l’interessato si è detto sorpreso. Una sorta di isolamento, rimasto sotto silenzio fino a ieri. Ora Vibo Unica, oltre a Claudia Gioia, Angelo Palamara e all’assessore Lorenza Scrugli, può contare sull’apporto di Lo Bianco e Mercadante. Il gruppo influenzato da Stefano Luciano, presidente del consiglio comunale, ora acquista più forza, “prendendosi” altre due pedine sullo scacchiere del Comune.

«I consiglieri contribuiranno al processo amministrativo e politico. L’esperienza federativa (i due gruppi si erano “consociati” alcuni mesi fa, ndr) è giunta alla fase conclusiva, ed ora si potrà adottare un approccio più decisivo per affrontare le problematiche del territorio», ha detto Claudia Gioia, capogruppo di Vibo Unica.

Sua vice sarà la giovane Mercadante, perciò una guida tutta in rosa per il gruppo. «La visione comune, già dimostrata con la federazione, ci ha spinto a confluire in Vibo Unica. Sosterremo l’amministrazione Costa, cercando di affrontare al meglio le tematiche più importanti», ha detto la consigliera.

«Siamo una forza ancora più unita. C’è amicizia oltre alla politica, e dunque c’è unione. Le scelte saranno condivise, così come le idee», ha detto invece Lo Bianco. Palamara ha dato il benvenuto ai consiglieri e spera che «con questo rinforzo si farà molto di più per la città».

A settembre, molto probabilmente, ci sarà un rimpasto in Giunta, ma ci ha pensato Luciano a smorzare eventuali allusioni. Gli equilibri nella squadra di Elio Costa potrebbero cambiare, ma di questo se ne parlerà più avanti, quando la maggioranza si siederà a parlarne. Quando i referenti dei gruppi consiliari, ormai sempre più vicini ai partiti «classici», si siederanno e sceglieranno i nuovi nomi in giunta. Qualche poltrona, dunque, traballa, e non di poco.

«L’entrata in Vibo Unica di Alfredo e Samantha è una scelta che riguarda prettamente il consiglio comunale. Per quanto riguarda le dinamiche in giunta, la linea da seguire verrà definita prossimamente», ha detto Luciano. Alleanza per Vibo, ispirata da Gaetano Bruni, ora sembra essere ridotta ad un guscio vuoto. A portarne la bandiera il solo Nico Console, ma di consiglieri nemmeno l’ombra.