La proposta di Pagano: “Nicotera vada con Reggio Calabria”

Il primo cittadino pronto ad avviare un tavolo con i colleghi di Rosarno e Gioia Tauro per sganciarsi da Vibo Valentia. I dubbi del consigliere regionale Michele Mirabello

Il primo cittadino pronto ad avviare un tavolo con i colleghi di Rosarno e Gioia Tauro per sganciarsi da Vibo Valentia. I dubbi del consigliere regionale Michele Mirabello

Informazione pubblicitaria
Il Comune di Nicotera
Informazione pubblicitaria

Nicotera sganciata dalla provincia di Reggio Calabria e inserita tra i comuni della Metropolitana di Reggio Calabria.

Informazione pubblicitaria

E’ questa la proposta su cui sta insistendo il sindaco della città Medmea Franco Pagano. Del resto, il primo cittadino non perde mai occasione per ribadirlo: «Nicotera ha più assonanze con la Piana che con Vibo Valentia».

L’idea, da molti considerata utopistica, è stata accolta anche dal capo della compagine amministrativa della confinante Rosarno: «Nicotera – è la tesi Giuseppe Idà, rilasciata alla “Gazzetta del Sud” – è territorio a noi contiguo e non ci può essere nulla di ostativo nei confronti di un progetto che veda la sua adesione all’area metropolitana. D’altra parte la nuova realtà politico-amministrativa, sostituendosi alla vecchia provincia, mira a promuovere relazioni di sistema in un’area vasta con prospettive di sviluppo interessanti. Nicotera per noi è storia, è cultura, è turismo per cui la proposta del sindaco Pagano appare interessante e va valutata con la massima attenzione».

Di diverso parere il consigliere regionale Michele Mirabello, che ha nel Vibonese il suo bacino elettorale.
«Ogni ragionamento sulle province – ha detto – oggi va rivisto tanto è vero che si parla di imminenti aggiustamenti. L’idea tradizionale di provincia insomma non c’è più. L’importante è non lasciarsi influenzare da situazioni contingenti e dalla considerazione che la Provincia di Vibo in evidente difficoltà ha oggi un potere nullo. Se la mettiamo a confronto con l’area metropolitana ormai avviata a creare sviluppo e attrarre investimenti chiaramente non c’è partita, il percorso avviato da Nicotera è vincente. Naturalmente, dovrà essere la popolazione, tramite referendum, a fare le sue scelte. Di certo, oggi Nicotera è poco considerata, ma, se venisse a mancare il suo apporto, per il Vibonese sarebbe un colpo durissimo».

Ma per Pagano il progetto va concretizzato, a «cominciare da una tavola rotonda con i sindaci della Piana per approfondire la questione e gettare le basi a livello tecnico, politico e giuridico per l’adesione all’area metropolitana».