Ionadi punta sul “co-housing sociale”, approvato il progetto definitivo

L’elaborato, presentato alla Regione Calabria, prevede il recupero degli edifici comunali di località “Campo” e la loro trasformazione in un’area abitativa a forte vocazione sociale. Importo previsto 500mila euro 

L’elaborato, presentato alla Regione Calabria, prevede il recupero degli edifici comunali di località “Campo” e la loro trasformazione in un’area abitativa a forte vocazione sociale. Importo previsto 500mila euro 

Informazione pubblicitaria
Il rendering del progetto

È stato approvato in via definitiva il progetto dei lavori di recupero degli edifici comunali in località “Campo” di Ionadi, finalizzati alla creazione di un borgo assistito destinato a co-housing sociale. L’esecutivo guidato dal sindaco Antonio Arena, infatti, ha di recente liquidato la pratica puntando a sfruttare le opportunità concesse dal Por Calabria 2014-2020 sul tema dell’inclusione sociale. 

L’importo complessivo dei lavori previsto è di 500mila euro. L’obiettivo finale è la valorizzazione della dimensione sociale e la promozione di stili di vita sostenibili. Il borgo assistito, una volta ottenuti i fondi e realizzato, sarà aperto non solo ai residenti ma anche al territorio circostante, offrendo tra l’altro spazi comuni per consentire a specifici soggetti target di sviluppare abilità e socialità. 

Tra gli interventi previsti figurano: il recupero degli edifici esistenti da destinare ad alloggi e spazi comuni; la sistemazione dell’area esterna agli alloggi; la realizzazione di verde attrezzato; la realizzazione di un nuovo edificio nell’area comunale libera adiacente da destinare ad ulteriori alloggi ed a centro polivalente; la sistemazione della viabilità e dei parcheggi di tutto il borgo assistito. 

Per quanto riguarda il recupero degli edifici esistenti, il progetto mira ad un intervento di riorganizzazione degli spazi dell’attuale palazzo municipale, che una volta riattivata la sede originaria di piazza Italia, a Ionadi centro, potrà essere destinato ad alloggi, insieme ad altri da realizzare nella nuova costruzione. Questi, grazie alla predisposizione di una serie di interventi mirati, saranno resi fruibili anche agli utenti caratterizzati da deficit di varia natura. 

A fungere da raccordo tra il borgo assistito e il resto della realtà urbana ci penserà il Centro polivalente che sorgerà al piano terra di un nuovo edificio, affiancato a quelli esistenti. Il progetto definitivo del borgo assistito, già completo di 29 elaborati, è stato trasmesso alla Regione Calabria per ottenere il finanziamento. Il Comune di Ionadi, nel panorama regionale, è stato il sedicesimo ad aver prodotto tutta la documentazione per la richiesta dei fondi.